Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 05:56

«Lecita acquisizione del Bari» la Procura archivia il caso

«Lecita acquisizione del Bari» la Procura archivia il caso
BARI – La procura di Bari ha chiesto l'archiviazione dell’indagine sull'acquisto dell’As Bari avvenuto nel maggio 2014 ad un’asta fallimentare. Ne ha dato notizia il presidente della società Fc Bari 1908, Gianluca Paparesta, che oggi ha incontrato il procuratore di Bari Giuseppe Volpe. "Così come era sempre stato detto – ha spiegato Paparesta lasciando il Palazzo di giustizia di via Nazariantz - non sussisteva alcuna ipotesi di reato ed era stata tutta lecita l'operazione dell’acquisizione".

L'inchiesta, coordinata dal pm Giuseppe Dentamaro e delegata alla Guardia di finanza, puntava ad accertare l’identità dei finanziatori dell’operazione e i rapporti tra la Fc Bari 1908 e alcune società, tra cui la Infront.

"Può pacificamente affermarsi l'assenza di elementi che consentano di ritenere la sussistenza del delitto ipotizzato". Lo scrive il pm della Procura di Bari Giuseppe Dentamaro nella richiesta di archiviazione del procedimento sull'acquisto del titolo sportivo della fallita AS Bari SPA da parte della Football Club Bari 1908 Srl.

L'ipotesi della magistratura barese era che l’acquisto fosse "il frutto di un’intestazione fittizia, strumentale – scrive la Procura – all’occultamento di risorse finanziarie di provenienza delittuosa".

Le indagini, si legge nella richiesta di archiviazione, sono consistite "nell’acquisizione di documentazione bancaria, nonchè di quella contrattuale afferente la F.C. Bari 1908". "Dai documenti acquisiti – dice il pm Dentamaro – è emerso che le fonti di finanziamento della società in questione sono rappresentate da operazioni negoziali lecite e tracciabili e in particolare da mutui, contratti di sponsorizzazione, nonché dalla cessione dei diritti pubblicitari, televisivi e di vendita dei biglietti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione