Cerca

Enel Brindisi, arriva anche Banks sarà un'altra stagione da urlo

Enel Brindisi, arriva anche Banks sarà un'altra stagione da urlo
di Franco De Simone

BRINDISI - Brindisi si assicura anche Adrian Gerard Banks (la guardia ex Varese e Avellino) e, pur non avendo le pretese di gettare il guanto della sfida sul parquet del campionato, ha una gran voglia di partecipare al torneo di «braccio di ferro» al quale di certo si iscriveranno le società della Lega A (Venezia, Reggio Emilia, Sassari, Milano) ma solo per vedere l’effetto che fa.

Ciò che è certo, invece, è che la società presieduta da Fernando Marino che s’avvale della presenza di amici quali Nico Carparelli, Carmelo De Nitto, Giuseppe Marinò, Giuseppe Vetrugno, tutti i soci di «Brindisi vola a canestro», e che può contare anche sull’abbinamento con «GioBet» (Pino Giove), quest’anno sta facendo proprio le cose in grande. L’ultimo arrivo nella sede di Contrada Masseriola, di Adrian Gerard Banks ha ancor più incendiato gli animi dei sostenitori che da ottobre potranno vedere all’opera una squadra che vanta degli ottimi esterni e che nel settore dei lunghi, in attesa dell’ingaggio del pivottone (sarà Cedric Simmons?), può contare sul campione d’Italia Kadji e sul montenegrino Milosevic, oltre che sul capitano Zerini che di «pane duro» ne hanno già mangiato parecchio.

Questa, al momento, la squadra che, costruita dal general manager Alessandro Giuliani (con la supervisione di coach Piero Bucchi), è stata affidata per la quarta stagione consecutiva nella massima serie all’allenatore bolognese.

Scontata la corsa all’abbonamento da parte dei sottoscrittori della scorsa stagione. Così come sembra davvero scontato che i botteghini del palaElio, quest’anno, resteranno irrimediabilmente chiusi, perchè le tessere andranno esaurite tutte in abbonamento.

Resta tutto per intero il malessere per la struttura. Sulla quale (ma solo per il momento) è meglio stendere un velo pietoso. Perché oggi è troppo forte la soddisfazione per aver assistito, giorno dopo giorno, all’allestimento di un organico che, probabilmente, Brindisi mai aveva avuto così composito ed importante.

Ecco (al momento) la nuova squadra: Adrian Gerard Banks (guardia, 29 anni, 191 cm. Usa), Alexander Cory Harris (guardia-ala, 29 anni, 196 cm. Usa), Scottie Reynolds (play-guadia, 28 anni, 188 cm., USA), Kenneth Kadji (ala-centro, 27 anni, 211 cm, Camerun), Durand Christopher Scott (guadia-ala, 25 anni, 196 cm., Jamaica), Nemanja Milosevic (ala, 28 anni, 204 cm. Montenegro), Andrea Zerini (ala, 27 anni, 205 cm. Ita), David Reginald Cournooh (play-guardia, 25 anni, 187 cm., Ita), Marco Cardillo, (ala, 30 anni, 196 cm., Ita).

Resta il nodo Enel. Una cosa sembra scontata: se il mercato della società brindisina è in fase più che avanzata, è certo che il presidente Marino si è mosso sulla scorta delle assicurazioni ricevute nel corso dell’ultimo incontro romano con i vertici dell’azienda. Non è affatto ipotizzabile la teoria di chi vorrebbe un sodalizio suicida, capace di catapultarsi sulla campagna trasferimenti senza avere certezze, come avvenuto da molti lustri in qua, di poter soddisfare gli impegni assunti. Certo, sarebbe stato molto meglio se Enel e New Basket avessero messo nero su bianco, confermando così l’impegno. Anche perché il marchio Enel quest’anno avrà vasta eco in Europa, grazie alla partecipazione di Brindisi alla competizione continentale dell’Eurocup. È la prima volta e, pertanto, i dirigenti del sodalizio biancazzurro hanno voluto che la squadra si presentasse con le vesti della festa agli impegni che porteranno Andrea Zerini ed i suoi nuovi compagni di avventura in Germania, Belgio, Spagna, Francia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400