Cerca

Calcio C1 - Potenza esonera l'allenatore

Non sarà Pasquale Arleo a guidare per la gara casalinga di domenica prossima contro il Taranto, la squadra sarà affidata ai due vice allenatori. Nei prossimi giorni la nuova nomina
POTENZA - Il Potenza (serie C1, girone C) ha esonerato il mister Pasquale Arleo: per la gara casalinga di domenica prossima contro il Taranto, la squadra sarà affidata ai due vice allenatori, Antonio Falanga e Giuseppe Catalano, successivamente la società comunicherà il nome del nuovo tecnico.
Arleo - che l'anno scorso ha riportato il Potenza in C1 a distanza di 13 anni - in questa prima parte di campionato, non ha potuto dirigere la squadra della sua città dalla panchina, perchè squalificato fino al 31 dicembre, per un doppio tesseramento risalente alla stagione 2005-2006. Al suo posto, ci sono stati proprio Falanga e Catalano.
Ieri, nel turno infrasettimanale, la squadra lucana aveva pareggiato per 2-2 contro la Lucchese, dopo essersi ritrovata in svantaggio di due gol. Per l'esonero di Arleo, sono risultate quindi decisive le precedenti quattro sconfitte consecutive (tre in trasferta, a Crotone, San Giovanni Valdarno e Ancona e una in casa, contro la Pistoiese). Dopo tre vittorie nelle prime tre giornate di campionato, la neo promossa formazione potentina si trova ora al centro della classifica, con 12 punti e una gara da recuperare, quella interna con il Martina, rinviata lo scorso 21 ottobre per la neve e in programma per mercoledì 14 novembre allo stadio "Viviani".

L'esonero di Arleo «è dovuto allo scarso rendimento nelle ultime settimane: abbiamo conquistato solo tre punti in sette partite, una media da retrocessione diretta». In serata, in una conferenza stampa, il presidente Giuseppe Postiglione ha anche confermato che «il nome del nuovo allenatore sarà comunicato tra lunedì sera e martedì mattina».
«Adesso - ha continuato - i giocatori devono solo pensare a vincere la gara contro il Taranto. Nel pomeriggio, li ho incontrati e ho detto loro che, da questo momento in poi, tutti saranno sotto osservazione fino a gennaio, quando si riaprirà il mercato».
Postiglione ha «ringraziato Arleo, che è stato co-protagonista della fantastica promozione dello scorso anno. Spero che il suo sia solo un arrivederci al Potenza. Comunque, non mi voglio nascondere - ha continuato il presidente - anch'io ho le mie colpe perché non sono stato vicino alla squadra come la passata stagione, ma onestamente pensavo che non ce ne fosse più bisogno».
Rispondendo alle domande dei giornalisti, il dirigente ha detto che «potendo tornare indietro, avrei sì confermato Arleo, nonostante la squalifica, ma probabilmente gli avrei affidato una rosa non così ampia come quella attuale, composta da 24 giocatori. E, inoltre, l'impossibilità di andare in panchina, gli ha impedito di sfruttare al meglio le sue qualità di motivatore».
Per il nuovo allenatore, Postiglione sta pensando «a un tecnico che abbia ottime doti gestionali. Ci sono stati, ovviamente, molti contatti, soprattutto con quelli che si sono proposti per la nostra panchina. Io, personalmente, però non ho parlato con nessuno: chi verrà a Potenza dovrà sicuramente avere grandi ambizioni. Il nostro obiettivo finale? Ai giornalisti - ha concluso il presidente - diremo sempre che è la salvezza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400