Cerca

Calcio - Aggrediti arbitri Mesagne-Nardò: sanzioni

La Lega dilettanti ha decretato la squalifica per due turni del campo del Mesagne con gare da disputare a porte chiuse e inibizione fino al 30 giugno 2009 ad un dirigente
BARI - Squalifica per due turni del campo con gare da disputare a porte chiuse e inibizione fino al 30 giugno 2009 ad un dirigente: sono le decisioni prese dal giudice sportivo del Comitato regionale Puglia della Lega nazionale dilettanti di calcio nei confronti della società del Mesagne per l'aggressione subita dalla terna arbitrale domenica scorsa al termine di Mesagne-Nardò (0-1, campionato di Eccellenza).
A fine gara, secondo quanto riportato nelle motivazioni, sono stati aperti gli accessi tra la tribuna occupata dai tifosi locali e gli spogliatoi. Circa 30 persone hanno prima insultato la terna arbitrale e poi schiaffeggiato un assistente del direttore di gara.
Nonostante le forze dell'ordine e due tesserati del Mesagne avessero creato una barriera di protezione intorno all'arbitro, scrive sempre il giudice sportivo, il direttore di gara è stato colpito con un calcio alla coscia sinistra e fatto oggetto di spintoni e sputi. Solo dopo un'ora la terna arbitrale ha potuto lasciare lo stadio di Mesagne scortata dalle forze dell'ordine.
Il dirigente inibito è invece un componente del servizio d'ordine sostitutivo, il quale ha colpito l'arbitro con spintoni e sputi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400