Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 17:09

Bari, un regista per Nicola arriva l’ex Samp Gentsoglu

Bari, un regista per Nicola arriva l’ex Samp Gentsoglu
di ANTONELLO RAIMONDO

BARI - Un centrocampista greco per il Bari: ieri Savvas Gentsoglu si è legato al club biancorosso per le prossime tre stagioni. Classe 1990, ruolo playmaker, struttura alla Donati tanto per provare a fare chiarezza. Nell’ultimo campionato ha giocato in patria, nell’Ergotelis (26 presenze). Vanta già una discreta esperienza nel calcio italiano per aver indossato le maglie di Sampdoria, Livorno e Spezia. In Toscana, Gentsoglu ci è rimasto per due stagioni ed ha potuto lavorare alle dipendenze di Davide Nicola, che non a caso lo ha inserito nella lista consegnata ad Antonelli e Zamfir. Lista che vedeva, con ogni probabilità, Di Gennaro al primo posto. Ma resta il fatto che il venticinquenne greco ha il gradimento dell’allenatore.C’è ancora fermento, però, nella costruzione del centrocampo. Non è una novità che Nicola voglia a tutti i costi il ritorno di Pasquale Schiattarella, un jolly utilissimo. Il Bari non ha fatto valere l’opzione per il riscatto ma tornerà presto all’attacco, puntando a uno sconto dello Spezia. Non è tutto, però. Il nome nuovo è Laribi, il trequartista che ha avuto un ruolo determinante nella promozione del Bologna in serie A. Il club emiliano non lo ha riscattato e, dunque, l’estroso centrocampista di origini tunisine è tornato al Sassuolo. Su di lui c’è già l’interesse di alcuni club che potrebbero avere più appeal: parliamo del Cagliari, che punta all’immediato ritorno in serie A, e del tandem di matricole, Carpi-Frosinone. Ma Bari resta una piazza in grado di puntare a calciatori importanti.

A proposito di calciatori importanti. Tra le priorità chieste da Nicola c’è il parco attaccanti. Lì davanti l’allenatore vuole certezze, gente che possa presentarsi con numeri di un certo tipo. D’altronde la storia del campionato di B insegna che per vincere serve sì l’equilibrio tattico, ma senza uomini di peso dalla trequarti in su tutto diventa maledettamente più complicato. Insomma, l’ideale sarebbe riuscire a risparmiare in altri ruoli e magari far cassa (Caputo, Sabelli, Galano) per poi garantirsi un paio di pedine in grado di fare la differenza.

Mitrita e Martinho sono nomi caldi. Il primo, tutto dribbling e fantasia, è reduce da un campionato in Romania, con la maglia del Viitorul (29 presenze e 6 gol). Il secondo non ha brillato a Catania ma è una pedina che in serie B può garantire un buon rendimento. Esterno di fascia mancina, può anche disimpegnarsi bene da mezz’ala essendo un calciatore abbastanza tecnico.
 
VIDEO - LE SUE PRIME PAROLE IN BIANCOROSSO

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione