Cerca

Motomondiale - Classe Gp, podio Ducati in Malaysia

Il campione del mondo in carica, Casey Stoner, su Ducati, ha vinto il Gran Premio di Sepang, classe MotoGp. Per l'australiano è la decima vittoria della stagione •Le classifiche. La prossima ed ultima gara si disputerà a Valencia (Spagna) il 4 novembre
Motomondiale - Stoner (Ducati) SEPANG (MALAYSIA) - Casey Stoner, già laureatosi campione del mondo, ha vinto il Gran Premio di Malaysia, classe MotoGp. Per l'autraliano della Ducati è la decima vittoria della stagione. Al secondo posto ha concluso Marco Melandri, su Honda, davanti al compagno di scuderia, lo spagnolo Dani Pedrosa. Valentino Rossi, su Yamaha, si è piazzato quinto.
L'australiano è il primo pilota a vincere a Sepang nelle tre classi e in questa stagione è finito a punti diciassette volte e ha eguagliato il primato stabilito da Colin Edwards nel 2005.

«LA VITTORIA PIU' DIFFICILE»
«E' stata la vittoria più difficile della stagione, ho fatto anche qualche errore». Sorride e trova il tempo per l'autocritica Casey Stoner, il pilota australiano della Ducati che oggi vincendo il Gran Premio di Malaysia ha ottenuto la sua decima affermazione stagionale nel Mondiale MotoGp. Già certo del suo primo titolo iridato in carriera, Stoner prima di salire sul podio di Sepang ha parlato di una gara in cui «è stato difficile arrivare fino in fondo»: «Ancora primo? E' quello che dobbiamo fare», ha detto ai microfoni di Italia 1 parlando a nome del team di Borgo Panigale, «anche se stavolta è stata davvero dura». Stoner «aziendalista» anche di fronte alla possibilità di chiudere il campionato, a Valencia il 4 novembre, eguagliando il record di 11 successi stagionali stabilito da Valentino Rossi nel 2005. «No, ora non ci pensiamo. Ci preoccupiamo solamente di quello che dobbiamo fare», ha risposto Stoner.

UN SECONDO POSTO INSAPETTATO
Dopo cinque gare di astinenza Marco Melandri è tornato sul podio della MotoGp grazie al secondo posto di oggi nel Gran Premio di Malaysia. Un risultato inatteso? Non per il ravennate della Honda, stanco ma soddisfatto dopo la corsa disputata oggi a Sepang. «Qui nessuno si aspettava un mio risultato buono, ma io credo di essere sempre abbastanza veloce», ha detto a Italia 1 Melandri, oggi secondo dietro all'australiano Casey Stoner, autentico dominatore della stagione con 10 successi in stagione. «Ho fatto una stupidaggine all'inizio, poi ho iniziato a prendere ritmo», ha raccontato Melandri, «ma quando ero lì per prendere Casey mi sono accorto che rischiavo troppo. Quindi ho pensato solamente a respirare».
Il prossimo anno Melandri lascerà la Honda per correre in Ducati con Stoner. «Con qualsiasi moto avessi dovuto correre l'anno prossimo, Stoner dovevo prenderlo», ha commentato sorridendo: «Io voglio solamente fare il mio lavoro. Sarà dura con Stoner? Voglio fare la mia strada, non voglio correre contro il mio compagno di squadra». Poi «la stupidaggine». «E' stata una mia stupidaggine», ha chiarito: «Volevo allentare la valvolina del tubo che mi permette di bere mentre corro, ma ho esagerato. La valvola si è staccata, così ogni volta che frenavo mi entrava l'acqua in bocca».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400