Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 17:17

Lecce, fiato sospeso in attesa della svolta

Lecce, fiato sospeso in attesa della svolta
di MASSIMO BARBANO
LECCE - Un andamento a gambero, fra la sensazione che la svolta decisiva sia ormai cosa fatta e la susseguente disillusione. È la fotografia di questa ultima settimana di trattative per l’acquisto del pacchetto societario. A tratti si è avuta l’impressione che si fosse ormai vicinissimi alla conclusione, per poi trovarsi poche ore dopo al punto di partenza. E intanto il tempo scorre verso quelle scadenze che incombono e che non sono dilazionabili. L’iscrizione al campionato, con i relativi oneri economici che comporta, non aspetta di certo la stipula. Come dire che bisognerà fare prima. Entro questa fine settimana, comunque, o al più, lunedì prossimo, una risposta si avrà. È quella della cordata romana che sta trattando con l’avvocato Saverio Sticchi Damiani e che, sulla scorta della relazione finanziaria, stilata da un pool di economisti guidati dal docente dell’Università di Lecce Stefano Adamo, prenderà una decisione e, se questa sarà indirizzata nell’ottica di voler subentrare, formulerà anche un’offerta, modulata sulla base delle risultanze contabili emerse dalla perizia finanziaria. Insomma, bisogna attendere, qualcosa si muoverà. Così come una risposta è attesa anche dall’imprenditore turistico Giancarlo Mazzotta, nonchè sindaco di Carmiano, che non si è defilato completamente dall’affare, anche se la pausa di riflessione, induce a pensare che esistano delle riserve importanti all’idea di rilevare il pacchetto societario, in questo caso, solo in parte, visto che l’intendimento di Mazzotta era quello di affiancare Savino Tesoro, magari con una quota di maggioranza.

Diverso sarebbe se ad acquistare fosse il gruppo dei tre imprenditori della Capitale (non sono tutti romani, ma è lì la loro sede sociale). In questo caso la società sarebbe interamente rilevata con il solo mantenimento nel consiglio di amministrazione dell’attuale componente Enrico Tundo. In questo clima di grande incertezza, qualcosa dell’attuale organico comincia a vacillare. L’allenatore Alberto Bollini si è incontrato nei giorni scorsi con il diesse Antonio Tesoro ribadendo il suo interesse a rimanere nel Lecce, come da contratto, ma subordinando il tutto al futuro progetto che si andrà a sviluppare e che, per il momento, è avvolto nel buio. E nel frattempo, per l’allenatore giallorosso, molto amico di Edyu reja, è arrivata l’offerta dell’Atalanta. L’impegno contrattuale resisterà alle lusinghe della serie A?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione