Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 11:36

Basket, serie A maschile Brindisi senza continuità Capo d’Orlando in volata

Basket, serie A maschile Brindisi senza continuità Capo d’Orlando in volata
Capo d’Orlando-Brindisi 66-65 

UPEA CAPO D’ORLANDO: Archie 10, Hunt 12, Munastra ne, Soragna 5 Pecile 8, Karavdic 2, Henry 13, McGee 8, Bianconi ne, Campbell 8, Strati ne. Allenatore: Griccioli. 
ENEL BRINDISI: Pullen 3, James 14m Bulleri 6, Cournooh 5, Calò ne, Denmon 14, Morciano ne, Zerini, Turner 6, Mays 15, Eric 2. Allenatore: Bucchi. ARBITRI: Begnis, Baldini, Ranaudo. NOTE: parziali 24-13, 33-26, 52-45. Tiri liberi: Upea 11/16, Enel 11/13. Usciti per 5 falli: nessuno. 

TRAPANI - L’Enel Brindisi cede in volata sul neutro di Trapani al cospetto dell’Orlandina, dopo una gara tutta in salita, e la contestuale vittoria di Trento lascia i pugliesi da soli al sesto posto. Per i ragazzi di Bucchi da segnalare la buona prova di Mays, discrete ma altalenanti quelle di Denmon e James, decisamente insufficienti i contributi offerti sul parquet da Turner e Pullen, di contorno tutti gli altri. La chiave del match sta nei troppi rimbalzi concessi all’Upea, che ora è praticamente salva.

È Turner a togliere il coperchio alla partita per il primo vantaggio esterno (8-9 al 5’). Capo d’Orlando preme sull’acceleratore e grazie alle incursioni dell’ex Campbell e soprattutto del centro (basso ma efficace) Dario Hunt, che i ragazzi di Bucchi non riescono a contenere. Mays gli rende difficile la vita in difesa e realizza i liberi con precisione, ma Hunt e Campbell continuano a trovare soluzioni vincenti arrivando fino al +11 del primo parziale. Coach Bucchi striglia i suoi e Denmon subito risponde presente: con due triple, un assist e un recupero riportando quasi da solo i suoi a contatto, aiutato dai compagni che non fanno mettere punti a tabellone ai siciliani per oltre cinque minuti (24-22 al 15’).

La difesa asfissiante, aiutata dall’imprecisione dell’Upea permettono all’Enel di impattare con Cournooh dalla lunetta; poi ci pensano gli ex a terminare il digiuno, prima con una tripla di Henry, poi con Campbell. Il tempo si conclude con tanti errori e i pugliesi molto altalenanti. Archie, alla artita d’addio, è un’enigma complicato per coach Bucchi, che trova pochissimo in attacco e i suoi capitombolano di nuovo a -12.

Delroy James si sveglia dal torpore e piazza un parziale da solo per colmare il gap, ma lo sforzo non è sufficiente e così Brindisi viaggia in continuo affanno (41-33 al 25’). Le due schiacciate di Mays provano a scuotere i biancoblù, che beneficiano anche di un fallo tecnico, che Pullen converte (primi punti di una prova fin qui sterile e ampiamente sottotono). Le troppe palle perse e il bonus raggiunto troppo presto non permettono ai pugliesi di riavvicinarsi.

Eric schiaccia in apertura dell’ultimo parziale e Cournooh trova la «bomba» della speranza, ma la scossa non arriva e così l’Enel è sempre costretta a rimontare, senza riuscirci perché Capo d’Orlando gioca una partita solida (61-52 al 35’). Henry si fa rimpiangere a più riprese in questa gara, ma con grinta e un po’ di forza della disperazione Brindisi rientra; per effetto dei canestri di James e Mays la rimonta si completa ad un solo minuto dal termine a quota 63. La premiata ditta Mays (stoppata) e James (canestro) confeziona anche il vantaggio da tempo cercato, ma McGee imbuca la tripla del nuovo sorpasso siciliano che gela l’Enel. Dopo il time-out Mays perde palla contro Soragna, Brindisi non è in bonus, dopo un paio di falli recupera palla ma Denmon non centra la tripla che avrebbe coronato un match difficile, forse non giocato bene, ma combattuto fino all’ultima stilla di energia. Finisce con il successo di un soffio di Capo d’Orlando e in fondo è un successo meritato per i troppi errori dell’Enel.

SERIE A – 26^ GIORNATA  

Upea Capo d’Orlando     – Enel Brindisi       66-65  
Dolomiti Energia Trento   – Consultinvest Pesaro   77-65
Openjobmetis Varese     – Pasta Reggia Caserta
Umana Reyer Venezia     – Acqua Vitasnella Cantù
Vanoli Cremona       - Granarolo Bologna
EA7 Emporio Armani Milano  – Acea Roma
Grissin Bon Reggio Emilia  – Banco di Sardegna Sassari
Sidigas Avellino      - Giorgio Tesi Group Pistoi (13/04)  

CLASSIFICA: Milano 44 punti; Venezia, Reggio Emilia 36; Sassari 34; Trento 32; Brindisi 30; Bologna 24; Pistoia, Cremona, Cantù, Roma 22; Avellino, Capo d’Orlando 18; Varese 16; Pesaro 14; Caserta 9.  Cantù e Milano una gara in meno Bologna 2 punti di penalizzazione  Caserta 1 punto di penalizzazione

PROSSIMO TURNO (19/4)

Umana Reyer Venezia     – Dolomiti Energia Trento  (18/04)
Sidigas Avellino      - Pasta Reggia Caserta
Giorgio Tesi Group Pistoia - Grissin Bon Reggio Emilia
Granarolo Bologna      – Consultinvest Pesaro
Acea Roma          – Enel Brindisi
Banco di Sardegna Sassari  – Openjobmetis Varese
Upea Capo d’Orlando     – EA7 Emporio Armani Milano
Acqua Vitasnella Cantù   - Vanoli Cremona   (20/04)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione