Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 22:19

Calcio / Bari - I monegaschi si defilano. Ma Matarrese precisa

La cordata interessata a rilevare la società, in seguito alle dichiarazioni del presidente, ha deciso di sospendere la trattativa dopo aver presentato un'offerta d'acquisto: «Accettiamo il consiglio di riprendere il discorso nel tempo concordato». La risposta di Matarrese. La controreplica
Vincenzo MatarreseEra già accaduto che il presidente del Bari infrangesse il patto: non rilasciare dichiarazioni sulla trattativa in corso con i monegaschi. Si fece scappare che «i club non si rilevano a pochi giorni dall'inizio del campionato». In quel caso ci fu una risposta piccata e l'annuncio del ritiro (poi rientrato) da parte della cordata interessata a rilevare la società (in seguito alle precisazioni di Vincenzo Matarrese, il trio Cohen-Vedeo-Stancarone decise di tornare a discutere).
Stavolta le affermazioni pressoché identiche del patron biancorosso hanno determinato una ribattuta di tutt'altro tenore, come si evince dal comunicato stampa diffuso in giornata: «In seguito alle dichiarazioni del presidente del Bari, Vincenzo Matarrese, riportate dai giornali locali e nazionali, in cui si dichiara che resta della convinzione che una squadra si compra o si vende a fine campionato e che i progetti degli acquirenti saranno valutati dal venditore, il quale per il momento preferisce portare avanti il suo progetto per l'anno in corso, i sottoscritti Claude Cohen, Marco Vedeo, Paolo Stancarone, per il rispetto che si porta alla trentennale conduzione della presidenza da parte del signor Vincenzo Matarrese, decidono di sospendere la trattativa in corso accettando il consiglio della controparte di riprendere la stessa nel tempo concordato dalle parti. Si augura alla società stessa un campionato pieno di successi».
Tra le righe c'è il motivo del tono cordiale. Si è voluto dare un segnale senza fare danni irreparabili (peraltro, il portavoce della cordata, il barese Paolo Stancarone, ha confermato di aver già presentato un'offerta di acquisto). Insomma la controparte ha accettato, facendo buon viso a cattivo gioco, la scelta del Bari (prendere tempo per decidere) dando in pratica appuntamento alla fine del campionato, una sospensione della trattativa che ha scatenato le reazioni dei tifosi, alle prese con le ipotesi più disparate. Per alcuni la rottura è definitiva ed è confermata la volontà dell'attuale proprietà di non cedere (ma la controreplica di Matarrese andrebbe nel senso opposto). Per altri si mirerebbe alla serie A per alzare il prezzo. Ma è probabilmente più fondata la pista che porta ai russi della Gazprom, il cui numero uno Alexey Miller ha assistito alla gara Bari-Albinoleffe di Coppa Italia giocata il 15 agosto insieme con i vertici biancorossi e il sindaco del capoluogo pugliese Michele Emiliano.
Per alcuni ci sarebbe già l'accordo, da perfezionare in primavera, con il colosso del gas (ma non ci sono conferme, nemmeno quelle ufficiose provenienti da ambienti politici). Se così fosse, l'intervento dei monegaschi sarebbe servito soltanto ad aumentare il valore dell'azienda. Forse è anche per questo che da Montecarlo hanno in un primo momento deciso di defilarsi, determinando lo scoramento degli appassionati baresi che credevano in una compravendita immediata.
Dovranno invece pazientare. Una cosa però è certa: il cerchio si sta stringendo. E i Matarrese sono davvero intenzionarti a farsi da parte. Prima o poi.

G. Flavio Campanella

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione