Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 09:42

Motomondiale 2007 - A San Marino Stoner in "pole"

L'australiano della Ducati, in testa alla classifica della classe Gp, domina le prove ufficiali. La corsa è prevista domenica 1° settembre (diretta tv su Italia 1 a partire dalle ore 10,45 con la classe 125; dalle 12,10 le 250, dalle 13,35 le Gp) • Per la classe 250 pole position di Lorenzo (Spagna - Aprilia) • Per la classe 125 pole position del ceco Pesek (Derby)
Motomondiale - Stoner (Ducati) MISANO ADRIATICO (Rimini) - Il diluvio è passato, Casey Stoner resta. In testa alla graduatoria dei tempi delle prove libere, e poi anche di quelle ufficiali della classe MotoGp, e in prima fila pure tra gli incubi dell'annata di Valentino Rossi. Anche sulla pista alle pendici del colle della natia Tavullia, l'australiano della Ducati ha stampato il suo nome in vetta alle graduatorie dei tempi.
Per asciugare in tempo la pista, sommersa dal diluvio di venerdì sono state utilizzate ben sei idrovore e persino un elicottero, piazzato rasoterra col gas a manetta sulla famigerata curva della Quercia. Come un enorme ventilatore. E il singolare stratagemma ha funzionato, come un comune asciugacapelli. A volar basso sull'asfalto di Misano ci ha provato anche il re folletto ma anche l'ultimo affondo non è riuscito a dargli più di un minuto d'orgoglio. Il suo miglior giro, piazzato come una zampata a poco più di 90 secondi dalla fine del turno di qualifica, è stato poi nuovamente battuto dall'ultima tornata veloce di Stoner.
L'australiano della rossa ha così intascato la quinta pole-position stagionale in 1'33"918, mentre Valentino è rimasto 176 millesimi di secondo più in là ma sempre in prima fila. Un obiettivo che Rossi e la sua Yamaha biancoblù non centravano dal Gp d'Inghilterra di fine giugno. Terzo si è piazzato lo statunitense della Honda Nicky Hayden, con un distacco di oltre mezzo secondo dall'autore della pole.
Sulla pista di casa, tornata ad ospitare un Gp iridato dopo 14 anni d'assenza, non hanno brillato Marco Melandri e Loris Capirossi. Il ravennate si è esibito in un botto coi fiocchi in apertura delle libere, spedendo la sua Honda oltre le barriere di gomme, fin sulla rete di protezione. Marco, che ha rimediato solamente una contusione al gluteo destro, ha poi proseguito regolarmente le prove, concludendo dodicesimo in griglia. Un posto indietro s'è piazzato Capirossi che, nonostante l'aiuto di Stoner, che ha provato a tirarlo in scia nel pomeriggio, non è riuscito, evidentemente, a digerire il rinnovato tracciato romagnolo. La gara sembra profilarsi come un duello a due tra Stoner e Rossi. Con l'australiano e la Ducati in splendida condizione di forma e un Valentino ancora convalescente dagli affanni fiscali - il gelo col suo distratto manager sembra destinato a sfociare a breve in un polemico divorzio - e un motore Yamaha nuovo ma forse troppo assetato di carburante. Valentino l'ha utilizzato a lungo, trovando il nuovo propulsore leggermente più veloce ma più propenso ai consumi. Tutto dipenderà dal calcolo di questi ultimi se Rossi lo userà o meno per la prima volta in gara.

La classifica prima del Gp di San Marino

1) Casey Stoner (Australia) Ducati 246 punti
2) Valentino Rossi (Italia) Yamaha 186 punti
3) Dani Pedrosa (Spagna) Honda 168 punti
4) John Hopkins (Usa) Suzuki e Chris Vermeulen (Austria) Suzuki, 124 punti
5) Marco Melandri (Italia) Honda 113 punti
6) Colin Edwards (Usa) Yamaha 93 punti
8) Nicky Hayden (Usa) Honda 89 punti
9) Loris Capirossi (Italia) Ducati 87 punti
10) Alex Barros (Brasile) Ducati 83 punti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione