Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 17:23

Bari, il ds Antonelli «Ora basta errori»

BARI – "In quattro occasioni nel torneo eravamo convinti di trovarci sul binario giusto. Ora abbiamo sei punti che ci separano dai play off e sei dai play out: non ci sono più scusanti. Ci aspettano dodici finali. Non possiamo più sbagliare da un punto di vista caratteriale.
Bari, il ds Antonelli «Ora basta errori»
BARI – "In quattro occasioni nel torneo eravamo convinti di trovarci sul binario giusto. Ora abbiamo sei punti che ci separano dai play off e sei dai play out: non ci sono più scusanti. Ci aspettano dodici finali. Non possiamo più sbagliare da un punto di vista caratteriale. Sono convinto che possiamo arrivare alle finali promozione": il ds del Bari Stefano Antonelli ha tirato le somme dopo trenta gare di campionato con una conferenza stampa al San Nicola.
"Dobbiamo decidere come comportarci nelle ultime gare. Dobbiamo dare di più – ha aggiunto – perchè il bilancio non può essere soddisfacente fino in fondo. Ora ci vuole uno scatto di reni, non a parole ma con i fatti".

A partire dalla prossima sfida con il Varese, Antonelli auspica una svolta: "Possiamo rilucidare la stagione ma dobbiamo fare più punti possibile – ha detto – per arrivare a 50 punti, per arrivare alla salvezza, che non era il nostro obiettivo iniziale. Questa è una squadra che deve imparare a tirar fuori una caratterialità importante. In B c'è in testa il Carpi, che ha impostato il campionato sul temperamento, sul carattere, sul sacrificio: da qui la classifica meritata".
Infine una riflessione tattica: "In questa squadra molto camaleontica conta l’interpretazione mentale con cui vai in campo. Abbiamo dato il segnale in maniera alterna: abbiamo le caratteristiche per fare i play off. Gli obiettivi collettivi e personali si ottengono attraverso un credo. Infine un elogio per Nicola che ha due grandi pregi, trasmette temperamento ed è trasparente con tutti".

"Il progetto Bari – ha concluso Antonelli – andrà avanti e anche in maniera importante. Due direttori sportivi? Zamfir sta studiando il calcio italiano insieme a me con onestà professionale e morale. Boateng? E' tutto del Bari, ma qualora ci fosse una futura vendita il Milan avrebbe una prelazione sul giocatore".

"In quattro occasioni nel torneo eravamo convinti di trovarci sul binario giusto. Ora abbiamo sei punti che ci separano dai play off e sei dai play out: non ci sono più scusanti. Ci aspettano dodici finali. Non possiamo più sbagliare da un punto di vista caratteriale. Sono convinto che possiamo arrivare alle finali promozione": il ds del Bari Stefano Antonelli ha tirato le somme dopo trenta gare di campionato con una conferenza stampa al San Nicola.

"Dobbiamo decidere come comportarci nelle ultime gare. Dobbiamo dare di più – ha aggiunto – perchè il bilancio non può essere soddisfacente fino in fondo. Ora ci vuole uno scatto di reni, non a parole ma con i fatti".

A partire dalla prossima sfida con il Varese, Antonelli auspica una svolta: "Possiamo rilucidare la stagione ma dobbiamo fare più punti possibile – ha detto – per arrivare a 50 punti, per arrivare alla salvezza, che non era il nostro obiettivo iniziale. Questa è una squadra che deve imparare a tirar fuori una caratterialità importante. In B c'è in testa il Carpi, che ha impostato il campionato sul temperamento, sul carattere, sul sacrificio: da qui la classifica meritata".
Infine una riflessione tattica: "In questa squadra molto camaleontica conta l’interpretazione mentale con cui vai in campo. Abbiamo dato il segnale in maniera alterna: abbiamo le caratteristiche per fare i play off. Gli obiettivi collettivi e personali si ottengono attraverso un credo. Infine un elogio per Nicola che ha due grandi pregi, trasmette temperamento ed è trasparente con tutti".

"Il progetto Bari – ha concluso Antonelli – andrà avanti e anche in maniera importante. Due direttori sportivi? Zamfir sta studiando il calcio italiano insieme a me con onestà professionale e morale. Boateng? E' tutto del Bari, ma qualora ci fosse una futura vendita il Milan avrebbe una prelazione sul giocatore".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione