Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 12:10

Ondata di proteste a La Gazzetta del Mezzogiorno

Numerose le lettere inviate dai tifosi dopo la decisione della società di non concedere sconti ai vecchi abbonati (ma i malumori si riferiscono anche i prezzi fissati per tessere e biglietti). Resta un mistero il perché la società dei Matarrese non abbia voluto premiare i fedelissimi
BARI - L'ondata di proteste non ha risparmiato la redazione de La Gazzetta del Mezzogiorno, sommersa dalle lettere inviate dai tifosi dopo la decisione del Bari di non concedere sconti ai vecchi abbonati (ma i malumori si riferiscono anche i prezzi fissati per tessere e biglietti). Resta un mistero, in effetti, il perché la società dei Matarrese non abbia voluto premiare i fedelissimi. Non è, invece, un mistero il divenire sempre più ampio del fronte di coloro che nel capoluogo aspettano un cambiamento radicale. I lamenti e le sofferenze sono evidenti negli interventi sotto riportati (per una questione di gestione del materiale, la pubblicazione delle e-mail avverrà gradatamente).
Una risposta la merita il lettore Giancarlo La Gioia riguardo i dubbi sul contenuto dell'articolo sul giornale di oggi firmato da Massimiliano Scagliarini (così almeno ci pare di capire). Già la professionalità del collega non lascerebbe adito a perplessità, ma, come Giancarlo ha potuto constatare, l'intenzione di trattare è manifestata dai potenziali acquirenti (e non semplicemente riportata). Se il signor Paolo Stancarone dice di voler parlare con la proprietà, non si può far altro che prenderne atto. Il fatto che tutto esca fuori a due settimane dalla fine del mercato è in effetti anomalo, ma, come è spiegato, il tentativo della cordata di contattare i Matarrese è precedente. Essendo peraltro risultato vano, lo stesso imprenditore di origini baresi dice chiaramente di volere una mediazione della stampa.
Ora: dare la notizia (e anche cercarla) è alla base della professione giornalistica. Mediare può sembrare (e forse lo è) strumentale. Ma (chiedo) se, per ipotesi, Matarrese dicesse di voler vendere dimostrando con i fatti il contrario, sarebbe doveroso finanche (laddove fosse possibile) seguire in tempo reale un'eventuale trattativa per riportare l'esatta sequenza degli avvenimenti? La verità innanzitutto, prima ancora della vendita delle copie (e non parlare a me di rispetto nei confronti dei tifosi). In quanto al coraggio di pubblicare l'intervento, ecco qui.

G. Flavio Campanella


LETTERA 1
Mi spiace tanto non abbonarmi per questo anno. Speravo in un cambio di mentalità e programmi del Bari ,purtroppo non è cosi... Mi piacerebbe sapere dal cav. Mattarese quali sono le reali intenzioni della sua famiglia. Che uscisse allo scoperto dichiarando onestamente cosa intende fare. L'apprezzeremo di più. Dimenticavo una considerazione sul sig.Materazzi. Capisco molto il suo legame con la società e la città,ma la coerenza gli fa un po' difetto. Chi soffre siamo noi tifosi e lui di certo negli ultimi anni è stato fermo o allenava fuori dall'italia. Quindi...
francesco carella

LETTERA 2

Salve. Ho 46 anni e vado allo stadio da quando ne avevo 6. Dopo l'ultima decisione di Matarrese circa il mancato sconto sul rinnovo degli abbonamenti, credo proprio che, mio malgrado, dovrò rinunciare allo stadio per quest'anno. Sperando che avvenga finalmente il tanto sospirato cambio al vertice societario per riavvicinare la gente alla squadra.
Distinti saluti, Vito Guerrieri.

LETTERA 3

ANCHE SE UNA SOCIETA' DI CALCIO E' PATRIMONIO PERSONALE, ANCHE SE DI QUESTA SI POSSIEDE PIU' DEL 50 % DELLE AZIONI, IL CALCIO NON E' SOLO SPA, BILANCIO, RAZIOCINIO: IL CALCIO E' PASSIONE, ARDORE, SENTIMENTI, EMOZIONI. UNA SOCIETA' DI CALCIO HA IL DOVERE MORALE DI TENER CONTO DEI SENTIMENTI DEI PROPRI TIFOSI, CHE LA FORAGGIANO CON BIGLIETTI/ABBONAMENTI E DIREI ANCHE DIRITTI TV, E CHE HANNO TUTTO IL DIRITTO DI MANIFESTARE IL PROPRIO DISSENSO PER LE SCELTE AZIENDALI E PER LO SPETTACOLO A CUI ASSISTE.
IL BARI CALCIO HA MOSTRATO PALESEMENTE DISPREZZO PER TUTTO IL POPOLO DEI TIFOSI BIANCOROSSI, SENZA DISTINZIONE TRA ABBONATI E DISERTORI. LA LORO FORTUNA E' CHE NON ESISTA UN ORGANO DI CONTROLLO COME ESISTE IN ALTRI SETTORI (BANCARIO ED ASSICURATIVO, AD ESEMPIO), ALTRIMENTI NE AVREBBERO DA DARE CONTO, ECCOME... SOLO UNA COSA NON DEVONO MAI DIMENTICARE: CRISTO E' GRANDE!! UN GIORNO DARANNO CONTO A LUI DI QUESTE VERGOGNOSE E INFANTILI FORME DI RIPICCA.
Cordiali Saluti, Mauro Solazzo

LETTERA 4

È vergognosa la campagna abbonamenti del Bari, prezzi da capogiro soprattutto le curve a 130 euro.... E lo è ancor di più il prezzo del singolo biglietto (12 euro ). Vergogna, neanche avessimo i campioni della serie A !!!
Domenico Bari

LETTERA 5

Sono abbonato da 3 anni e la situazione creatasi rasenta il ridicolo. Voglio protestare contro questa dirigenza che non ha enssun rispetto nei confronti di noi tifosi. Non ne posso più di questo atteggiamento ostile dei Matarrese verso noi sostenitori. E poi forse siamo l'unica città d'italia in cui non è possibile rinnovare l'abbonamento. A dir poco scandaloso.
Tommaso Nicassio contro Matarrese


LETTERA 6

Sono un tifoso del Bari. Tanto per cominciare chiederei a mister Materazzi di andar via sotto braccio a Matarrese, perché ci aveva promesso serietà, e che sarebbe rimasto solo con un progetto serio, che al giorno d'oggi nessuno vede. Non solo, poi scopriamo che quei quattro ragazzini arrivati a Bari, perché non penso si possano chiamar calciatori, sono arrivati tramite uno dei figli che fa il procuratore. Mi fidavo di Materazzi, e potrei dargli fiducia per qualche giornata di campionato, ma poi penso che lo scarso livello della squadra si mostrerà a tutti. Io comincerei a sperare di arrivare ai play-out, perche ci sono ottime probabilità di arrivare proprio ultimi quest'anno!

Poi ho forti dubbi sulla veridicità dell'articolo presente sul vostro giornale, circa una cordata di imprenditori che volevano comprare il Bari. Non ho mai visto far affari tramite un giornale, e soprattutto tentar di comprare squadre a due settimane dall'inizio del campionato. Penso che questi imprenditori sarebbero intervenuti a giugno, se volevano far una proposta seria e vera, anche perché sapranno quanto vale la società, perché già lo scorso anno Matarrese indico quanti milioni voleva quando si parlava di un altro imprenditore interessato.

Capisco che sperate di vender più copie del vostro giornale con questa fantomatica notizia, ma ho l'impressione che neanche voi abbiate molto rispetto per i tifosi del Bari. Spero che questa mia lettera venga pubblicata nella pagina dedicata allo sport, anche se ho i miei dubbi che avrete il coraggio di farlo, e spero ancora di più di essere smentito sulla cordata di nuovi imprenditori interessati.

Cordiali saluti, Giancarlo La Gioia

Gli indirizzi per mandare le e-mail

redazione.internet@gazzettamezzogiorno.it
campanella@gazzettamezzogiorno.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione