Cerca

Tennis - Da Castellaneta Italia in finale Fed Cup

Dopo la sconfitta di Mara Santangelo, ad opera di Amelie Mauresmo, Francesca Schiavone ha superato Tathiana Golovin e nel doppio con Roberta Vinci ha giocato la partita decisiva battendo Nathalie Dechy e Severine Bremond
Tennis - Mauresmo (a sinistra) e Santangelo CASTELLANETA MARINA (Taranto) - L'Italia ha battuto la Francia per 3-2 e si è qualificata per la finale di Fed Cup. Nel doppio decisivo le azzurre, Francesca Schiavone e Roberta Vinci, hanno superato le francesi Nathalie Dechy e Severine Bremond col punteggio di 4-6, 6-1, 6-2.

L'Italia, detentrice del titolo, affronterà la Russia in trasferta.

La vittoria contro la Francia, che ha proiettato l'italtennis femminile verso la finale di Fed Cup, conferma che il titolo conquistato lo scorso anno non è stato casuale. Un successo, quello della tre giorni di Castellaneta Marina, in Puglia, nel segno di Francesca Schiavone che ha cominciato conquistando il punto dell'1-1 contro la numero uno francese, Amelie Mauresmo (7-5, 6-3), annullando quindi il vantaggio ottenuto da Tatiana Golovin contro Tathiana Garbin (3-6, 6-2, 2-6) del primo singolare.
La Mauresmo si è poi riscattata conquistato il secondo punto per la Francia battendo 6-7 (5), 6-0, 6-4 Mara Santangelo, in campo al posto dell'infortunata Tathiana Garbin. La Schiavone ha tenuto a galla l'Italia conquistando il punto del 2-2 battento 6-4, 2-6, 7-5 la Golovin. La milanese è andata oltre sostituendo la febbricitante Mara Santangelo nel decisivo doppio con Roberta Vinci che ha portato l'Italia in finale dopo un'ora e 52 minuti.
La coppia azzurra inizia bene e al secondo game, servizio Bremond, ottengono il break e si portano sul 2-0 e successivamente sul 3-0. Ma a questo punto le azzurre lasciano troppa libertà alle avversarie che iniziano la rimonta: recuperano lo svantaggio e chiudono i conti sul 6-4 in 45'. Nel secondo set le azzurre reagiscono nel migliore dei modi al ritorno delle francesi e iniziano la seconda partita con il giusto piglio: pochi errori, puntando sempre su Severine Bremond, l'anello debole del gruppo francese.
La tattica paga e dopo 30' chiudono con il punteggio di 6-1. Nel terzo set il punteggio segue l'ordine dei servizi fino al 2-2, poi le azzurre strappano il servizio al quinto game. Le transalpine subiscono il colpo, mentre le azzurre acquistano fiducia e dopo 1 ora e 52 minuti chiudono il parziale con il punteggio di 6-2.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400