Cerca

Tennis - Capitan Barazzutti sprona le azzurre

A due giorni dal sorteggio per la semifinale Italia-Francia di Fed Cup a Castellaneta Marina (Taranto): ««Posso contare su un gruppo eccezionale. La squadra è estremamente motivata e le ragazze giocheranno assolutamente alla pari». Tra le avversarie ci sarà Mauresmo, mancherà Bartoli
CASTELLANETA MARINA (TARANTO) - «Posso contare su un gruppo eccezionale. La nostra squadra è estremamente motivata e le ragazze giocheranno assolutamente alla pari con le francesi». Corrado Barazzutti sprona così le azzurre di Fed Cup a due giorni dal sorteggio per la semifinale in programma questo fine settimana a Castellaneta Marina.
«Sappiamo che sarà un incontro difficile, ma noi abbiamo tutte le carte in regola per ottenere un grande risultato - ha continuato il capitano azzurro -. Scenderemo in campo da nazione campione in carica e questo, oltre a rappresentare per noi un motivo di grande orgoglio, costituisce anche una forte spinta a a fare tutto il possibile per andare ancora una volta in finale». L'Italia è dunque pronta a bissare la finale di Nancy del 2006, dove le azzurre vinsero il trofeo battendo proprio la Francia. «Questo è un risultato che potrà nascere dal gruppo, proprio come è successo l'anno scorso - ha detto Francesca Schiavone -. Ognuna deve fare la sua parte e dobbiamo aspettare ogni singolo match perchè ogni partita fa storia a sè».
Tra le avversarie delle azzurre ci sarà Amelie Mauresmo, assente lo scorso anno, mancherà invece Marion Bartoli, finalista a sorpresa a Wimbledon. «Lo sapevamo tutte che la Bartoli non avrebbe giocato in Fed Cup, - ha commentato Tathiana Garbin - ancor prima del suo arrivo in finale. Lei e suo padre non vanno d'accordo con la Federazione francese e non ha mai accettato di giocare per la nazionale. Peccato - ha scherzato - perchè è una giocatrice molto forte sull'erba ma non altrettanto potente sulla terra battuta».
Ancora non è deciso chi giocherà delle azzurre. «La scelta di chi giocherà i singolari e del doppio la faremo tutti insieme - ha detto Barazzutti - So di poter contare su un gruppo eccezionale e ho ancora due giorni di tempo per fare, con calma, tutte le valutazioni del caso». Il capitano ha rivolto poi un appello al pubblico affinchè «venga numeroso a sostenerci. Se è vero che i valori tecnici non possono essere completamente sovvertiti, è anche vero che l'apporto dei tifosi, soprattutto in un match di questo genere, dove il risultato si gioca sul filo di lana, può diventare un elemento molto importante».
Cosa ha la Francia in più dell'Italia? «Loro hanno un ex numero uno del mondo - ha spiegato la Schiavone -, una cosa che non si ha per caso. Poi le ho viste molto bene fisicamente e, come sempre, hanno un'ottima disciplina. Ma noi siamo un gruppo molto compatto e la superficie in questo caso ci aiuta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400