Cerca

Calcioscommesse per Conte l'accusa è di frode sportiva

MILANO – La Procura di Cremona sta notificando l’avviso di chiusura delle indagini, che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio, per 130 indagati tra calciatori, ex giocatori e dirigenti nell’ambito dell’inchiesta sul calcioscommesse. Tra i destinatari degli avvisi di chiusura delle indagini c'è anche il ct della Nazionale Antonio Conte. Per il tecnico l’accusa è di frode sportiva per fatti del periodo in cui era allenatore del Siena. Contestata l’associazione a delinquere, tra gli altri, al giocatore della Lazio Stefano Mauri, all’ex capitano dell’Atalanta Cristiano Doni e all’ex attaccante della Nazionale Beppe Signori
Calcioscommesse per Conte l'accusa è di frode sportiva
MILANO – La Procura di Cremona sta notificando l’avviso di chiusura delle indagini, che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio, per 130 indagati tra calciatori, ex giocatori e dirigenti nell’ambito dell’inchiesta sul calcioscommesse.

Tra i destinatari degli avvisi di chiusura delle indagini nell’inchiesta sul calcioscommesse della Procura di Cremona c'è anche il ct della Nazionale Antonio Conte. Per il tecnico l’accusa è di frode sportiva per fatti del periodo in cui Conte era allenatore del Siena. Cade quindi l’associazione a delinquere, ipotesi di reato con cui era stato inizialmente iscritto nel Registro degli indagati.

Il procuratore, Roberto di Martino, ha contestato l’associazione a delinquere, tra gli altri, al giocatore della Lazio Stefano Mauri, all’ex capitano dell’Atalanta Cristiano Doni e all’ex attaccante della Nazionale Beppe Signori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400