Cerca

Calcio - Il presidente della Lega: «Donadoni? Meglio se sta zitto»

Antonio Matarrese: «Sarebbe un fatto buono per noi, perché è tanto un bravo ragazzo, ma, quando tocca questi argomenti, non vedo il la persona sempre molto controllata che ho conosciuto. Quindi, si inizia il 26 agosto: Donadoni è bravo, la squadra è brava e le chiacchiere non servono più»
MILANO - «Se Donadoni parlasse di meno sarebbe un fatto buono per noi, perchè è tanto un bravo ragazzo ma, quando tocca questi argomenti, non vedo il Donadoni sempre molto controllato che ho conosciuto. Quindi, si inizia il 26 agosto: Donadoni è bravo, la squadra è brava e le chiacchiere non servono più»: è quanto ha detto il presidente della Lega Calcio Antonio Matarrese in merito alle polemiche nate con il ct della nazionale italiana Roberto Donadoni sulla data di inizio del campionato. «Donadoni non deve mostrare di avere dei punti deboli - ha detto Matarrese a margine della presentazione del pallone ufficiale della Lega - e non deve preoccuparsi, perchè ha dei magnifici giocatori. E credo che non convenga dimostrare che questa squadra possa avere delle debolezze, perchè non sono due o tre partite che possono modificare il risultato». Matarrese ha poi ribadito che «siamo tutti vicini alla squadra. Nessuno vuole mortificare nessuno. Se si diceva che si può partire il 26 significa che si sa che cosa si può fare, non è un fatto commerciale. Infatti, ci sono dei dirigenti che hanno una lunga esperienza nel calcio e sanno cosa significa partire il 26».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400