Cerca

Motomondiale 2007 - È l'anno di Stoner

Nella classe Gp l'australiano della Ducati vince anche il Gran premio di Gran Bretagna e rimane ben saldo 1° in classifica • Per la classe 250 vince Dovizioso (San Marino - Honda) • Per la classe 125 vince l'italiano Pasini (Aprilia) • Le prossime gare (in tutto 10 fino a fine Stagione)
Motomondiale - Stoner (Ducati) DONINGTON PARK (Gran Bretagna) - Casey Stoner vince in solitaria il Gran Premio di Gran Bretagna, ottavo appuntamento del Motomondiale nella classe MotoGp. Dopo una partenza da dimenticare, l'australiano della Ducati ha preso il comando della corsa e su una pista prima molto bagnata e poi via via sempre più asciutta ha rimontato posizioni su posizioni, fino a scavalcare al comando il texano della Yamaha Colin Edwards, giunto secondo staccato di 11".
È andata male a Valentino Rossi, che ha chiuso in quarta posizione alle spalle anche dell'australiano della Suzuki Chris Vermeulen. Grazie al successo odierno, il quinto su otto Gran Premi fin qui disputati, Stoner consolida il primato nella classifica del Motomondiale con 165 punti contro i 139 di Rossi.
La gara comincia senza pioggia ma con l'asfalto bagnato e al semaforo verde partono male sia Stoner che Rossi. Edwards conserva la prima posizione ma solo per poco, superato al comando da uno scatenato Pedrosa. Stoner, scivolato in settima posizione, comincia la rimonta a suon di giri veloci, mentre Rossi fa fatica a riportarsi sui primi, va largo nel tentativo di superare West e si ritrova addirittura nono dopo tre giri.
In testa c'è di nuovo Edwards, mentre Pedrosa perde la brillantezza iniziale e nell'arco di un giro passa dalla prima alla settima posizione. Alle spalle del texano della Yamaha si è già portato Stoner. Dopo 10 giri il rischio pioggia sembra scongiurato, ma l'asfalto è ancora umido: la classifica dice Edwards davanti a Stoner, mentre Rossi prima scavalca Hopkins in terza posizione e poi va largo, finisce per un attimo sulla ghiaia poi riparte alla caccia del californiano.
Quando il pesarese passa di nuovo Hopkins, la coppia di testa è già a 7". Il Mondiale di Rossi si complica ulteriormente a metà gran premio, quando Stoner opera il sorpasso ai danni di Edwards e comincia una fuga che durerà fino alla bandiera a scacchi. L'assolo dell'australiano è di quelli che lasciano il segno e le speranze del duo Yamaha di riportarsi a ridosso del primo sono praticamente zero.
Rossi, con la gomma posteriore molto usurata quando mancano cinque giri alla fine, dice addio anche alla seconda posizione occupata dal compagno di squadra Edwards e deve guardarsi le spalle da Vermeulen, che nel finale ha un passo molto più veloce del suo. A -4 dalla fine l'australiano scavalca Rossi in terza posizione e per il pesarese la vetta del Mondiale è sempre più lontana. Il secondo posto di Edwards conferma anche la maledizione della pole position che dura da 10 gare: il primo in griglia, quest'anno, non ha mai vinto.

La classifica dopo il Gp di Gran Bretagna

1) Casey Stoner (Australia) Ducati 165 punti
2) Valentino Rossi (Italia) Yamaha 139 punti
3) Dani Pedrosa (Spagna) Honda 106 punti
4) Chris Vermeulen (Austria) Suzuki 88 punti
5) John Hopkins (Usa) Suzuki, 83 punti
6) Marco Melandri (Italia) Honda 81 punti
7) Colin Edwards (Usa) Yamaha 65 punti
8) Alex Barros (Brasile) Ducati 60 punti
9) Loris Capirossi (Italia) Ducati 57 punti
10) Toni Elias (Spagna) Honda 49 punti

Classifica costruttori
1) Ducati, 168 punti
2) Yamaha, 146 punti
3) Honda, 133 punti
4) Suzuki, 111 punti
5) Kawasaki, 49 punti
6) Kr212v, 7 punti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400