Cerca

Venerdì 20 Ottobre 2017 | 01:40

Calcio - Foggia rimane in C1

La squadra pugliese - nella partita di ritorno dei play off - è stata sconfitta ai tempi supplementari 3-0 dall'Avellino, che è così passato alla serie B con il Pisa. Potenza dopo 15 anni in C2 promosso in C1 • Scontri a Benevento, aggrediti giornalisti lucani
Calcio - Foggia Avellino e Pisa vincono le gare di ritorno del playoff di serie C1 e conquistano la promozione in Serie B. Gli irpini hanno battuto il Foggia per 3-0 al Partenio, con gol di Rivaldo all'89' e poi con i rigori di Biancolino al 6' del primo tempo supplementare ed Evacuo al 15' del secondo tempo supplementare, mentre i toscani hanno superato per 2-0 il Monza con gol di Ceravolo al 40' del primo tempo e di Ciotola al 13' del secondo tempo supplementare: sia l'Avellino che il Pisa avevano perso per 1-0 all'andata.

Serie C2, Potenza promosso in C1
Benevento-Potenza 1-1 dopo i tempi supplemenatari (1-0 al 90', 0-1 nella partita di andata): promosso in serie C1 il Potenza.

La città di Potenza è in festa per il ritorno in serie C1 (a 15 anni di distanza dalla stagione 1991/1992) della formazione rossoblù, che, dopo la vittoria per 1-0 dell'andata e grazie al pareggio per 1-1 ottenuto oggi sul campo del Benevento, è riuscita a sovvertire il pronostico della finalissima play off del girone C della C2.
In piazza Mario Pagano, nel «cuore» del centro storico, con bandiere e maglie, ovviamente rossoblù, davanti a un maxi-schermo allestito dal Comune, oltre tremila persone hanno assistito al match giocato allo stadio «Santa Colomba». Proprio come se fossero lì. Cori, incitamenti e, soprattutto, l'esultanza al decisivo gol realizzato da Delgado nel primo tempo supplementare. E, così, dopo il triplice fischio finale dell'arbitro Scoditti, la festa ha potuto avere inizio.
Al termine dell'incontro, numerose altre persone hanno raggiunto il centro storico del capoluogo lucano, dove la festa andrà avanti per tutta la serata. In attesa del ritorno a Potenza della formazione guidata da metà campionato del potentino Pasquale Arleo, che, però, oggi non era in panchina per una squalifica inflittagli, proprio alla vigilia della finale, dalla Commissione disciplinare del settore tecnico della Figc. Al suo posto, c'era un altro potentino, Giuseppe Catalano, affiancato dal presidente Giuseppe Postiglione, che, a soli 25 anni, ha riportato in C1 la squadra della sua città.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione