Cerca

«Bari non ti deluderò» Paparesta non molla Pronti Polenta e Rada Il Ct Nicola: dobbiamo raggiungere i play off

BARI - Capitolo mercato, dunque, in attesa della sfida di domani contro l’Entella, partita che aprirà un girone di ritorno che il Bari dovrà affrontare di petto. Oggi potrebbe essere il giorno di Di Cesare dal Brescia, ma sono in arrivo altri due tasselli, Polenta e Rada del Cluj
«Bari non ti deluderò» Paparesta non molla Pronti Polenta e Rada Il Ct Nicola: dobbiamo raggiungere i play off
FABRIZIO NITTI
BARI -Corsi e ricorsi storici? Sognare, in fondo non costa nulla. Quando Gianni Antonucci racconta che nella sala del ristorante un tempo collocato al primo piano del «Margherita», il Bari festeggiò la prima promozione in serie A, decine e decine di anni fa, Gianluca Paparesta sorride sornione e, magari, comincia pure a fantasticare un po’. Festa grande per il club biancorosso che festeggia i 107 anni di età. Il teatro «Margherita», che dal 19 ospiterà la mostra «Gli eroi del calcio» portata a Bari dall’Associazione italiana calciatori, è gremito. Segno che Fc Bari 1908 fa sempre presa sui tifosi.«Questo è il primo compleanno per me, anche se questa società ha 107 anni di storia. E mi fa piacere festeggiare con tutti voi - l’esordio del presidente biancorosso -. Il Bari da sempre si porta dietro l’appellativo di squadra-ascensore. Sapete cosa sto pensando? Che mi piacerebbe davvero prendere l’ascensore, arrivare a qualche piano più alto e poi schiacciare il pulsante dello stop. Ma non faccio promesse. Posso solo garantire il massimo impegno da parte mia, di mio padre che è il socio in Fc Bari 1908 e di tutta la società. Sento dire in giro che “Paparesta deve dare delle risposte ai tanti abbonati”. Non li vogliamo deludere, assolutamente. Anche se, poi, il calcio non è mai una scienza esatta. Dopo il mercato estivo sembrava dovesse filare tutto liscio, invece abbiamo poi incontrato delle difficoltà. Stiamo lavorando per migliorare quella che riteniamo sia già una buona squadra, guidata da un tecnico del quale apprezzo il pragmatismo e la voglia».

Prima di entrare nelle dinamiche di un mercato che Fc Bari 1908 vuole vivere da protagonista, Paparesta rivela: «Mi sembrava giusto invitare anche la famiglia Matarrese a questa serata. Se siamo a questo punto è anche perché loro hanno compiuto un gesto importante l’anno scorso chiedendo l’autofallimento. Non sono qui perché erano fuori città».

Capitolo mercato, dunque, in attesa della sfida di domani contro l’Entella, partita che aprirà un girone di ritorno che il Bari dovrà affrontare di petto. Oggi potrebbe essere il giorno di Di Cesare dal Brescia, ma sono in arrivo altri due tasselli, Polenta e Rada del Cluj: «Polenta è sicuramente uno degli obiettivi. Ne abbiamo già parlato con la società di appartenenza e con il procuratore. Ci stiamo attivando perchè possa ritornare in modo da potenziare il reparto difensivo unitamente a Di Cesare col quale abbiamo già raggiunto da tempo l’accordo. Aspettiamo di conoscere le decisioni della società lombarda nel giro di un giorno prima di andare su altri giocatori. Il prossimo obiettivo potrebbe essere Rada». Il prossimo obiettivo sarà Rada, centrale del Cluj, mancino, giocatore che vanta esperienze internazionali e sul quale il consulente di mercato Zamfir scommette a occhi chiusi.

«Finora - continua Paparesta - abbiamo concluso tre operazioni importanti con l’arrivo di Ebagua, Schiattarella e Boateng (avrà la maglia numero 7, ndr). Per Siligardi e Belingheri devono maturare i tempi per fare delle valutazioni da parte nostra e da parte del Livorno. Il mercato si può fare senza sperperare e avendo un adeguato budget da per portare a casa dei giocatori».

Nel mirino resta anche una punta. C’è sempre Caracciolo, visto che il Brescia è in una situazione societaria ai limiti della disperazione. A proposito di attaccanti, ecco il pensiero su Galano: «In questa prima parte della stagione ha fatto meno degli ultimi sei mesi dello scorso anno. Però è un giocatore che merita fiducia. Non è in svendita essendo un patrimonio della società. Stiamo dialogando anche per rinnovare il contratto, sia con lui che con Sciaudone. Se rimarranno a Bari saremo contenti, se invece avranno delle richieste, le valuteremo. Non regaliamo nessuno perchè riteniamo che siano due elementi importanti di questa squadra, anche see la rosa è da sfoltire». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400