Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 06:00

Formula 1 - Alonso fa ein plein

Lo spagnolo della McLaren Mercedes ha vinto il Gran premio di Monte Carlo e con il compagno di squadra Hamilton (britannico, 2° al traguardo) guida la classifica. Massa (Ferrari) è arrivato 3°
Alonso / McLaren Mercedes (Formula 1) MONTE CARLO (Principato di Monaco) - Fernando Alonso al Gran Premio di Monaco realizza il filotto: pole, gara e giro più veloce, volando al comando della classifica. La McLaren-Mercedes realizza la seconda doppietta della stagione con il quarto secondo posto consecutivo di Lewis Hamilton. Il giovane coloured britannico in classifica è secondo, anche se ha gli stessi 38 punti di Alonso, ma il due volte iridato ha in casella ben due successi contro nessuno del pupillo di Ron Dennis. E proprio il team manager della scuderia di Woking a fine gara ha fatto proclami in cui avvisava la Ferrari che la strada da Monte Carlo in poi, per quelli di Maranello sarebbe stata in salita. Felipe Massa, terzo ed ultimo a pieni giri, infatti, ha chiuso con 1'05" di distacco; mentre Kimi Raikkonen, pagando l'errore nelle qualifiche, partendo 15° non è andato oltre l'ottava piazza, racimolando un punticino. Certamente la maggiore continuità dei due piloti McLaren in questa cinquina di gare paga, eccome. In vetta entrambi con 38 punti, contro i 33 di Massa ed i 23 di Raikkonen che lanciano la scuderia anglo-germanica ad un bel +20 nel Mondiale Costruttori (76 contro 56, ndr). A Monte Carlo, alla Ferrari è certamente mancato il pilota che meglio si adattava a questo tracciato, quel Raikkonen che nall'indomani del ritiro di Michael Schumacher doveva rinnovarne i fasti e che, invece, attualmente è il solito perseguitato da sfortuna e scarsa grinta.
Felipe Massa è quindi il pilota di punta per la Scuderia del Cavallino ed il paulista, compresa l'impossibilità di avvicinarsi a due McLaren oggi stratosferiche, ha corso per il campionato, acciuffando un terzo posto che alla fine potrebbe valere oro. Forse la F2007 sul toboga monegasco ha pagato anche il maggiore passo rispetto alla più «corta» MP4/22, un fattore molto importante su questo genere di circuiti. la conferma di ciò è dietro l'angolo con il Canada (10 giugno) e Indianapolis, la domenica successiva. Sulle piste nordamericane la Ferrari ha sempre avuto un ritmo migliore rispetto alla concorrenza e, magari infilando due doppiette - pareggiando i conti con gli avversari - potrebbe ribaltare la situazione o almeno renderla meno pesante. Tornando alla gara odierna c'è ben poco da dire. Al via, posizioni rispettate ed Alonso che ha prima allungato e poi, anche per via del solito traffico, visto riavvicinarsi Hamilton. Al primo pit stop, spagnolo dentro prima con il giovane collega che ha provato a recuperare secondi preziosi per passarlo in occasione della sua sosta tre tornate dopo, ma senza riuscirvi. La corsa si è quindi congelata con Alonso davanti ad Hamilton, sempre ad un paio di secondi. Massa terzo e nel giro, ma lontanissimo e dietro Fisichella, ottimo quarto e primo dei doppiati davanti alle due BMW di Kubica ed Heidfeld, alla Williams di Wurz e ad un deludente Raikkonen, ottavo. Male Trulli, dodicesimo a due giri, mentre Liuzzi è stato costretto al ritiro al primo giro perché tamponato in partenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione