Cerca

Calcio - Cottafava positivo all'antidoping

Il giocatore del Lecce è risultato positivo al controllo antidoping dopo Lecce-Arezzo del 25 marzo scorso. Nel campione sottoposto ad analisi è stata rilevata la presenza di tueminoeptano, uno stimolante. Sarà sospeso e non potrà giocare nella prossima giornata al San Nicola di Bari
ROMA - Il giocatore del Lecce Marcello Cottafava è risultato positivo al controllo antidoping dopo Lecce-Arezzo del 25 marzo scorso. Nel campione sottoposto ad analisi è stata rilevata la presenza di Tueminoeptano, uno stimolante. Lo ha reso noto il Coni. «La Commissione Antidoping del CONI - si legge nel comunicato - su indicazione della Federazione Medico Sportiva Italiana, dopo aver informato la Federazione interessata, con cui ha proceduto all'abbinamento codice/atleta, ha accertato un caso di positività. Il Laboratorio di Roma ha rilevato, nel primo campione sottoposto ad analisi, la presenza di Tuaminoeptano (stimolante) per Marcello Cottafava, tesserato della Federazione Italiana Giuoco Calcio (società US Lecce SpA) controllo CONI-NADO in competizione, su richiesta FIGC, del 25 marzo 2007 a Lecce in occasione della gara di Campionato Serie B: Lecce - Arezzo».

Il Tuaminoeptano, sostanza alla quale è stato trovato positivo il giocatore del Lecce Marcello Cottafava, è «contenuta come vasocostrittore nel Rinofluimucil, usato insieme ad altri farmaci, dallo stesso calciatore per curare una rinite». Lo sostiene in una nota la società salentina. «L'utilizzo del Rinofluimucil (prodotto acquistabile senza prescrizione medica) - prosegue il comunicato - è stato regolarmente dichiarato, assieme a tutti gli altri medicinali, nel verbale di prelievo al momento dell'espletamento delle operazioni antidoping (prelievo delle urine) in occasione della gara Lecce-Arezzo nella quale il calciatore accusava sintomi influenzali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400