Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 07:03

Calcio / Serie A - Il derby di Roma finisce senza reti

Quattro vittorie esterne: il Palermo sbanca Livorno (2-1), la Samp s'impone a Siena (2-0), la Reggina passa ad Ascoli (3-2), il Catania supera l'Udinese (1-0). Successo interno del Parma contro il Cagliari (2-1). In zona salvezza 8 squadre in 4 punti. Messina-Atalanta 0-0. Posticipo: Inter-Empoli 3-1
Derby di RomaROMA - Zero a zero condito da poco spettacolo nell'attesissimo derby di Roma, e così è la bagarre per non retrocedere a regalare emozioni nella 34ª giornata di serie A. Lo scudetto è dell'Inter già da una settimana (ma i neroazzurri non perdono il vizio di vincere: 3-1 all'Empoli nel posticipo), e il campionato deve ancora emettere le sue sentenze sui piazzamenti europei e sulla salvezza. Il pareggio dell'Olimpico serve molto alla Roma per rafforzare il secondo posto, che vuol dire accesso diretto alla Champions. I giallorossi hanno 10 punti di vantaggio sul Milan, che con un gol di Seedorf ha centrato a Torino la quinta vittoria di fila e soprattutto ha scavalcato la Lazio al terzo posto. I biancocelesti sono a 58 punti, 6 in più del Palermo, che espugnando Livorno (2-1, rigori di Corini, Cesar, gol vittoria di Di Michele) è tornato a vincere dopo un digiuno che durava dal tragico derby di Catania del 2 febbraio e torna a sperare per la Champions.
Un pensierino continua a farlo anche la Fiorentina, che ha battuto il Chievo in casa (1-0, Reginaldo) e ora è a otto punti dal quarto posto a quota 50, lo stesso punteggio dell'Empoli che stasera nell'ultimo posticipo del campionato farà visita ai neo campioni d'Italia dell'Inter. A 45 punti la Sampdoria, che in emergenza vince a Siena con le reti di Maggio e Delvecchio e mantiene vive le speranze di qualificazione Uefa. A quota 43 l'Atalanta, che pareggia a Messina 0-0, e l'Udinese, che cade in casa con il Catania (3 espulsi per la squadra di Malesani).
Poi in classifica c'è un salto di 7 punti e inizia la zona caldissima della lotta per non retrocedere. Ascoli e Messina hanno più di un piede in B, ma è affollatissima la battaglia per evitare il terzultimo posto. Otto squadre in quattro punti. A quota 36 il duo Livorno-Catania. I toscani hanno perso in casa contro il Palermo, mentre il Catania ha centrato a Udine con un rigore di Spinesi la prima vittoria del girone di ritorno (e deve recuperare la gara con l'Ascoli). Terzo successo di fila per il lanciatissimo Parma di Claudio Ranieri, che batte 2-1 il Cagliari al «Tardini» (Budan, pareggio di Conti, rigore di Gasbarroni) e sale così a 35 punti, superando proprio i sardi, a quota 34 insieme a Siena e Reggina. I bianconeri di Mario Beretta hanno perso in casa contro la Samp la seconda partita di fila. Umore opposto in casa Reggina, che ha vinto ad Ascoli 3-2 (doppietta di Amoruso e rete di Foggia, di Fini e Bonanni i gol marchigiani). Al quartultimo posto a quota 33 il Torino (un punto nelle ultime 5 gare), sconfitto in casa dal Milan. A fare compagnia ad Ascoli e Messina agli ultimi tre posti c'è per il momento il Chievo (32 punti), battuto ieri a Firenze. Mercoledì ci sarà il recupero di Catania-Ascoli, poi quattro giornate con tutte le gare in contemporanea. Quello per restare in serie A è ormai un campionato nel campionato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione