Cerca

Basket / A1 femminile - Taranto perde per un punto

Nell'anticipo della 13ª giornata, La Levoni torna da Schio con l'amaro in bocca. In vantaggio per 64-58 nell'ultimo quarto, le rossoblu perdono la bussola negli ultimi minuti uscendo sconfitte dal PalaCampagnola per 65-64
• I risultati della 29ª giornata di B1 e B2 maschile
FAMILA SCHIO-LEVONI TARANTO 65-64 (18-21, 39-38, 53-51)


FAMILA SCHIO - Consolini 2, Moro 20, Donaphin 10, Gianolla, Taylor 14, Masciadri 6, Martinello 1, 'Ngoyisia 6, Visconti ne, Ciampoli 6 (coach Fossati);
LEVONI TARANTO - Balleggi 4, Greco 2, Camino 5, Zimerle 8, Russo ne, Longin 4, Summerton 20, Bjelica 18, Bonafede 3, Tassara (coach Corno).
ARBITRI - Scudiero (MI) e Ranaudo (MI).

La Levoni Taranto non sfrutta un'ottima occasione per consolidare la sua posizione in classifica, e torna da Schio con l'amaro in bocca. In vantaggio per 64-58 nell'ultimo quarto, la squadra rossoblu perde la bussola negli ultimi minuti uscendo sconfitta dal PalaCampagnola per 65-64. Partita comunque equilibratissima dal primo minuto in terra veneta, tra due formazioni che sicuramente saranno tra le protagoniste dei prossimi play-off scudetto.
La gara. Lo starting-five di Schio è composto da Moro, Donaphin, Taylor, Masciadri e Ciampoli; quello di Taranto da Balleggi, Greco, Longin, Summerton e Bonafede. Primi due minuti equilibrati, poi la formazione di casa accelera (8-4). Moro è tra le più ispirate, segna e fa girare bene la sua squadra. Al 5' le locali vanno sul 14-8. Un 2+1 di Bonafede limita i danni. Giungono i primi cambi per Taranto: entrano sia Bjelica che Zimerle. Le crassine - trascinate da una convincente Summerton - cambiano passo. Proprio l'australiana firma il 14-14 (7'). Poi un ½ dalla lunetta di Balleggi significa sorpasso: 15-14. La Levoni ci crede ed accelera: un'azione di Summerton porta le joniche sul +3. Fossati chiama time-out considerato il parziale negativo (0-9). Corno mette nella mischia anche Camino. Sulla sponda opposta si fa vedere (a sorpresa) 'Ngoyisia, al rientro dopo l'infortunio. E' la Levoni però - nonostante il ritorno veneto - a conservare il vantaggio chiudendo la frazione sul 21-18.
La Famila prova a invertire la rotta: dopo un minuto e mezzo raggiunge il momentaneo pari (25-25). Le due compagini si affrontano a viso aperto e giocano punto su punto, con vantaggi minimi da una parte e dall'altra. Bonafede matura due falli in pochi secondi, e Corno manda in campo Greco. Fossati toglie Taylor e chiama Consolini. La Famila si porta sul +3 (4') sfruttando alcuni errori di marca rossoblu. Entrambi i tecnici mischiano, costantemente, le carte. Le due difese si equivalgono. Moro suona di nuovo la carica, e le campionesse d'Italia vanno sul 34-28 (7'), un minuto più tardi sul 39-32. Quando sta per terminare il periodo, Schio è sul +5. Ma ad una manciata di secondi succede di tutto: prima viene fischiato un tecnico a Donaphin (Camino realizza 2/4 dalla lunetta), poi Greco mette a segno i primi due punti. Si va al riposo con le venete di misura sulle rossoblu: 39-38.
Nella terza frazione Corno presenta Balleggi, Camino, Zimerle, Summerton e Bjelica. Fa tutto Ciampoli in apertura: 43-38. Al 5' Balleggi rimedia il 4° fallo. Campanello d'allarme per Corno, che così sostituisce la giocatrice fiorentina con Longin. Al 6' la Famila Schio è sul 47-45. Il match diventa falloso (anche Donaphin tocca quota tre falli). Meno spettacolare rispetto ai primi due quarti. A 2' e 30" il punteggio è in bilico (50-48 per Schio). Bjelica si mette in evidenza sotto i tabelloni...Difficile però prendere il largo. Il 53-51 di Schio non dà però sicurezze. La partita resta apertissima.
Schio e Taranto tentano il tutto per tutto nell'ultimo periodo. Bjelica continua a crescere, creando non poche insidie alla difesa di casa. E' lei che sigla il 53-53. Nel frattempo, Taylor rimedia il 4° fallo. Summerton non sbaglia dalla lunetta (+2, 3'). La Levoni riprende quota, mentre la Famila perde in lucidità. Botta e risposta dalla lunga distanza: prima Moro, poi Bjelica. Ma arrivano altre due "bombe" pesanti tra le crassine (Bjelica, Zimerle) che fissano il punteggio sul 64-58. Schio però non molla e pareggia nel giro di 60" grazie ad altre due triple consecutive (Moro, Taylor). A 3' minuti dal suono della sirena regna ancora l'equilibrio. Balleggi raggiunge il 5° fallo, e saluta tutti: entra Bonafede. Mancano 40": la Levoni ha la possibilità di chiudere i conti, ma l'infrazione di passi di Camino ribalta la situazione. Bonafede fa fallo su Taylor a 20" dal termine. La campionessa australiana, dalla lunetta, segna solo un canestro. E' però un punto pesantissimo, quello del 65-64. Il Cras ha la palla per il sorpasso - a 15" dal termine - ma non la sfrutta a dovere: Moro intercetta un passaggio di Zimerle. Partita finita per la Levoni, è la Famila a festeggiare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400