Venerdì 17 Agosto 2018 | 10:57

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Volley/A1 Uomini - Taranto a Macerata perde 3-2, ma prende un punto

Prisma - nella classifica guidata dal Cuneo con 55 punti - a due turni dal termine della stagione si porta al 5° posto con 39 punti. Sabato 7 aprile match contro il Montichiari • I risultati e la classifica dell'11ª giornata e le partite del prossimo turno
LUBE BANCA MARCHE MACERATA-PRISMA TARANTO 3-2
(25-22, 28-26, 22-25, 18-25, 16-14)


• MACERATA: Raymaekers 1, Paparoni 15, Bartoletti ne, Dennis 15, Rodrigao 9, Trimarchi ne, Sintini 1, Monopoli, Geric 14, Corsano (L), Miljkovic 14, Herpe 1. All. Fefé De Giorgi .

• TARANTO: Vicini (L), Ricciardello ne, De Palma 2, Valdir, Patriarca 13, Castellano, Nuti 1, Vulin 9, Felizardo 11, Granvorka 19, Eden ne, Anderson 17. All. Vincenzo Di Pinto.
• ARBITRI: Vito Sante Achille di Roma e Corrado Toso di Trieste.
• NOTE: parziali 25-22, 28-26, 22-25, 18-25, 18-16. Durata set: 22', 29', 27', 24', 17' per un totale di un'ora e 59 minuti. Macerata: ace 4, battute sbagliate 23. Taranto: ace 6, battute sbagliate 27. Spettatori 1600.
Pallavolo Volley Taranto Prisma
MACERATA - La Prisma cede ancora una volta al tie-break, ma conquista a Macerata un punto che le permette di portarsi a +4 sulla nona posizione a due turni dal termine della regular season e sbarra la strada ai campioni d'Italia, per i quali i giochi scudetto sono ora matematicamente irraggiungibili.
Prima della gara le due squadre e il pubblico hanno osservato un minuti di raccoglimento in memoria del centrale croato Zarko Petrovic, a Macerata nella stagione 1993/94, scomparso all'età di 43 anni.
Si parte con Macerata che sa di avere due soli risultati utili per sperare ancora nei playoff, vale a dire quelli che portano i 3 punti. E la partenza dei locali è subito rabbiosa: giocano bene Rodrigao e Paparoni, la Lube va sul 6-5 e poi allunga sul 17-11. Anderson subisce tre muri, ma Taranto riesce ad avvicinarsi sino al 23-21. La rimonta si spegne qui, perché il sestetto di De Giorgi gestisce bene il cambio palla e chiude il primo parziale.
L'avvio di secondo set è per Taranto che "vira" avanti 8-7 al primo time out tecnico (sul 5-5 Di Pinto cambia Nuti con De Palma) ma poi allunga con un break di 5-0 che vale il 7-10, nonostante Anderson continui a soffrire il muro avversario. Il palleggiatore argentino varia il gioco, la cosa si vede e la Prisma allunga sul 9-13. Ma i marchigani sono ancora in gara, dimezzando lo svantaggio sul 14-16. Taranto è avanti sino al 17-20 (spiccano sopratutto Granvorka e Patriarca), ma poi perde lucidità e si fa riprendere (20-20, time-out di Di Pinto) dal 3-0 della Lube.
È parità sino al 23-23 (è intanto rientrato Nuti), quando Anderson piazza un diagonale (23-24) che vale il set ball: risponde Paparoni, con due punti, per il 25-24 di Macerata. Si va ai vantaggi, Taranto non sfrutta una seconda opportunità per chiudere e vede volare via il set su un ace di un ottimo Paparoni.
Si riparte con un Taranto troppo discontinuo, nel quale Anderson gioca a sprazzi, mentre le cose buone arrivano sempre dai due uomini di banda. La Prisma guida 8-7 e poi 10-9, sino al 16-14 della seconda pausa tecnica che diventa 14-17 con un ace di Felizardo. Il gap cresce sino al 15-19, ma gli ionici si inceppano, facendosi raggiungere sul 19-20. I rossoblu perdono colpi in ricezione, così i marchigiani pareggiano 21-21. Ma la Prisma trova la zampata giusta, puntando sul servizio di Granvorka: si porta sul 24-22 e chiude sulla prima palla set.
L'avvio della frazione è nel segno di Felizardo: un muro e un primo tempo valgono l'8-5 per Taranto. A seguire a ruota è Granvorka: 8-11. La Prisma sembra non volersi fermare e si porta 9-14 con Vulin. De Giorgi cambia allora palleggiatore, sostituendo Sintini con Monopoli. La mossa porta i primi frutti quando Dennis accorcia 12-14 ma al time-out è 12-16. La Lube prova a rientrare soprattutto con Rodrigao, ma Anderson e Vulin tengono gli avversari a distanza: 17-20. Il margine sale ancora, con i colpi di Castellano, Granvorka e Anderson. La gara va al tie-break, mentre Macerata dice addio ai playoff, ormai irraggiungibili.
Il quinto set vede un primo tentativo di fuga con un tocco di Nuti per il 4-6, ma Anderson si fa murare (6-6) e Geric riporta avanti 8-7 una Lube in crescita. Dal 9-7 è Granvorka a pareggiare 9-9. Inizia un lungo punto a punto in cui è sempre la Lube avanti: dal 14-14 sono Paparoni e Rodrigao a chiudere il risultato, un successo che per la Lube vale solo per l'orgoglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Calcio, Marchisio dopo 25 annidice addio alla Juventus

Calcio, Marchisio dopo 25 anni
dice addio alla Juventus

 
Lecce, rinforzo a centrocampo: arriva Scavone dal Parma

Lecce, a centrocampo c'è Scavone . Attacco, ok per Lamantia

 
Fc Bari

Bari calcio, tribunale si riserva decisione sul sequestro e su ammissione al concordato

 
Foggia da lavori in corsoNeamber al rush finale

Foggia da lavori in corso
Neamber al rush finale

 
Lecce cerca i tasselli giustiBovo certezza per la difesa

Lecce cerca i tasselli giusti
Bovo certezza per la difesa

 
Giancaspro, si torna in aulaQuel crac pieno di manovre

Giancaspro, si torna in aula
Quel crac pieno di manovre

 
Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 

GDM.TV

Salento, 10 soccorsi per mare mossoUno motoscafo rischia di affondare

Salento, 10 soccorsi per mare mosso
Uno motoscafo rischia di affondare

 
Leuca, Gdf intercetta cabinatoe veliero con 24 migranti: 3 arresti

Leuca, Gdf intercetta cabinato e veliero con 24 migranti: 3 arresti

 
Giovinazzo diventa magica: con danze sull'acqua e luci multimediali

Giovinazzo diventa magica: danze sull'acqua e luci multimediali

 
Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 

PHOTONEWS