Cerca

Calcio / Serie A - Inter, scudetto in vista

Una prodezza di Maxwell spiana la strada contro il Parma. Sale il vantaggio sulla Roma (+20). Nella volata Champions,non decolla il Palermo, fermato a Torino, mentre si riporta sotto l'Empoli. La Samp si fa raggiungere a Verona dal Chievo. Per Cagliari e Livorno successi importanti in chiave salvezza
Inter-ParmaL'Inter fa un altro passo verso lo scudetto. La corazzata nerazzurra porta addirittura a 20 i punti di vantaggio sulla Roma seconda. Solo nel secondo tempo l'Inter, priva dello squalificato Ibrahimovic, riesce a stendere la formazione di Ranieri con Maxwell e Crespo ma adesso la festa per il tricolore è sempre più vicina.
Al quarto posto rimane il Palermo, che ospite del Torino rigenerato dalla cura De Biasi (10 punti nelle ultime cinque gare) si deve accontentare dello 0-0. Per i rosanero la vittoria rimane un tabù (l'ultima nel derby di Catania del 2 febbraio) e l'Empoli si avvicina minaccioso. I toscani schiantano l'Ascoli calando il poker firmato Pozzi e Saudati (una doppietta a testa) e il sogno Champions, con il Milan ancora dietro, può continuare.
Chi invece deve forse rivedere le proprie ambizioni è la Fiorentina, che spreca clamorosamente all'Atleti Azzurri d'Italia. I viola, in vantaggio 2-0 con una perla di Reginaldo e un rigore di Pazzini, buttano all'aria i tre punti contro l'Atalanta facendosi rimontare dalle reti di Loria e Doni dal dischetto e possono solo consolarsi grazie al pari tra Chievo e Sampdoria che mantiene i blucerchiati a due punti. Al «Bentegodi» si decide tutto in sei minuti, con una prodezza al 27' di Quagliarella, caricato a mille dal recente ingresso nel club azzurro, e la risposta di Brighi al 33'. Un pari che agli scaligeri in chiave salvezza è più che utile visto che le ultime quattro (Reggina, Messina, Parma e Ascoli) sono rimaste a bocca asciutta.
Boccata d'ossigeno invece per Livorno e Cagliari. Sulla panchina amaranto il neo tecnico Fernando Orsi non poteva sperare in un esordio migliore, con il 4-1 sul Catania che ha visto Cristiano Lucarelli in versione superstar (tripletta e traguardo dei 100 gol in A) e Fiore ancora una volta illuminante. Per i siciliani, che si vedono raggiungere a quota 32 punti proprio dal Livorno e dal Torino, ancora uno stop nonostante il gol del vantaggio di Sottil: la crisi non sembra avere fine.
Bastano infine 24 minuti al Cagliari per vincere lo scontro salvezza con il Messina, firmato Biondini e Budel. Per i peloritani, lontani da casa, i guai continuano: quattro pareggi e ben dieci sconfitte il bilancio in trasferta.

• I risultati della 30ª giornata
• La classifica
• I cannonieri
• Il prossimo turno

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400