Cerca

Bari a Varese l'ultima sconfitta è di 32 anni fa

di GIANNI ANTONUCCI
BARI - Sono trascorsi più di 32 anni da quando il Bari ha perduto l'ultima volta a Varese, un campo sul quale i biancorossi sono in perfetto «equilibrio» nelle 11 trasferte finora affrontate: 3 vittorie, 5 pareggi e 3 sconfitte. Ma c'è di più: pari anche nei gol: 12 per parte. Il 30 maggio 1982, dunque, l'ultima sconfitta per il Bari a Varese dopo aver subito un autentico «scippo» per un gol annullato (validissimo) che sancì anche la perdita di una possibile promozione in A
Bari a Varese l'ultima sconfitta è di 32 anni fa
GIANNI ANTONUCCI
BARI - Sono trascorsi più di 32 anni da quando il Bari ha perduto l'ultima volta a Varese, un campo sul quale i biancorossi sono in perfetto «equilibrio» nelle 11 trasferte finora affrontate: 3 vittorie, 5 pareggi e 3 sconfitte. Ma c'è di più: pari anche nei gol: 12 per parte. Il 30 maggio 1982, dunque, l'ultima sconfitta per il Bari a Varese dopo aver subito un autentico «scippo» per un gol annullato (validissimo) che sancì anche la perdita di una possibile promozione in A.

VIAGGIO AVVENTUROSO. Da quella infausta partita perduta fra tanta rabbia, il Bari ha poi ottenuto 3 vittorie e 2 pareggi segnando 8 gol e subendone la metà, cioè quattro. La trasferta di Varese, comunque, viene ricordata per quel «viaggio avventuroso» del 9 aprile 1978 in serie B, campionato nel quale le due squadre si sono sempre affrontate. Il venerdì precedente, dopo due ore di attesa all'aeroporto di Palese, il volo per Milano veniva annullato. La squadra era costretta a partire il giorno dopo in treno. Lungo il viaggio, solo per un miracoloso intervento di un «cantoniere» veniva evitata una tragedia: il «TEE» sul quale viaggiava il Bari con i dirigenti e i giornalisti veniva fermato alla stazione di Roseto degli Abruzzi: un minuto prima, il ponte sul fiume Tordino, era crollato sotto l'incalzare delle acque, a seguito delle forti piogge. Furono necessari una lunga sosta alla stazione di Roseto e poi il trasbordo in pullman sino alla successiva stazione di Giulianova.

Un altro treno raccoglieva la comitiva barese e tutti gli altri viaggiatori che arrivavano a Milano nella tarda nottata. In auto privata, la squadra si trasferiva a Gallarate. Con poco riposo e con molta stanchezza, il Bari scendeva in campo poche ore dopo a Varese: dopo 2 minuti segnava Vailati, al 57' pareggiava Scarrone su rigore; tre minuti dopo Pellegrini portava in vantaggio il Bari. A tempo scaduto, per un passaggio inutile di Scarrone verso Sciannimanico, il pallone era intercettato da Ramella che scattava ed al limite dell'area inventava una «sceneggiata», buttandosi a terra. L'arbitro Materassi di Firenze cadeva nel tranello e proprio al 90' fischiava il rigore per il Varese che Taddei trasformava, portando sul 2-2 il risultato finale.

Dopo la partita, sempre per lo sciopero dell'Alitalia, da Varese sino a Bari, giocatori, tecnici ed inviati, viaggiavano per tutta l'intera notte in taxi. Un autentico «tour de force» (2000 km) in sole 30 ore. Un pareggio ingoiato con tanto rammarico: rigore subito al 90' e un viaggio a dir poco allucinante.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400