Cerca

Donadoni si sfoga: «Chiedo rispetto»

Il ct alla vigilia di Italia-Scozia: - «Se i risultati non vengono, è giusto criticare e trarne le conclusioni. Non capisco perché ci siano già i processi prima che le cose accadano. Non vorrei che la mia educazione fosse scambiata per mancanza di attributi»
FIRENZE - «Se i risultati non vengono, è giusto criticare e trarne le conclusioni. Ma se, se, se... lasciate giocare questa nazionale. Non capisco perché ci siano già i processi prima che le cose accadano». È lo sfogo di Roberto Donadoni, ct della Nazionale, alla ripresa della preparazione per Italia-Scozia. Nella conferenza stampa, Donadoni ha lamentato il clima nel quale la nazionale si è preparata in questi in giorni, rivolgendosi alla stampa. «Voglio chiarire, io non sono stizzito. Tante cose mi scivolano addosso. Ma non vorrei che la mia educazione fosse scambiata per mancanza di attributi. Credo che stia affiorando la nostalgia dei tempi passati. Ho sentito tante di quelle bugie che c'è da fare una enciclopedia. Rispettiamoci, perché io a questo gioco non ci sto».
Donadoni non ha detto esplicitamente cosa lo abbia spinto a questo sfogo, ma ha sottolineato come la volontà espressa da Ancelotti di allenare in un futuro di là da venire la nazionale sia stata a suo dire travisata, con ricadute sull'immediato futuro della panchina azzurra; e ha poi fatto riferimento anche a come è stato trattato il caso Del Piero. Infine una annotazione sulla partita dell'Italia. "Sabato ha vinto la Scozia, ma sembra che piuttosto abbia perso l'Italia: se qualcuno non se ne è accorto, vorrei far notare che noi non siamo scesi in campo...".

«E' normale che una nazionale come l'Italia, con questa classifica nel girone, susciti polemiche. L'importante sarà vincere mercoledì perchè questo ci porterebbe a due punti in classifica dalla prima del girone». Parole di Gennaro Gattuso, in vista della gara contro la Scozia, valida per le qualificazioni all'Europeo 2008. «E' un match fondamentale, non serve parlarne tra di noi, per capire le difficoltà della gara basta pensare a quanta fatica abbiamo fatto con il Milan ad eliminare il Celtic in Champions. Parola di Gattuso: mercoledì non falliremo», ha aggiunto il centrocampista azzurro.

«Speravo a questo punto del girone di non trovarmi in questa situazione di classifica, purtroppo la sconfitta contro la Francia ci ha messo in grave difficoltà». Lo ha dichiarato a Coverciano il capitano azzurro Fabio Cannavaro, a due giorni dalla difficile sfida contro la Scozia in programma a Bari. «Ora tocca a noi -ha detto Cannavaro-, abbiamo la possibilità di giocare questo scontro diretto con la Scozia in casa e sappiamo che è un'occasione che va sfruttata. È un momento delicato dove non si può sbagliare, serve una vittoria anche per dimostrare che questo gruppo non è nè vecchio nè esaurito. C'è tanta cattiveria in noi, il nostro obiettivo è fare come la Francia e dopo il Mondiale raggiungere gli Europei e vincerli» ha detto ancora il giocatore del Real Madrid.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400