Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 11:12

Volley, la lunga festa delle ragazze di Bonitta E da martedì una mostra

BARI - A pochi giorni dalla fine del Mondiale femminile di volley, l’eco del grande successo non si è ancora spenta. Dopo il clamoroso risultato di audience televisiva della semifinale purtroppo persa contro la Cina sabato scorso, nel prossimo weekend diversi sono gli appuntamenti televisivi che vedranno in primo piano le azzurre. Martedì prossimo, invece, alla presentazione ufficiale del prossimo campionato di serie A1, la Lega annuncerà la mostra itinerante della nazionale e della pallavolo femminile italiana
Volley, la lunga festa delle ragazze di Bonitta E da martedì una mostra
BARI - A pochi giorni dalla fine del Mondiale femminile di volley, l’eco del grande successo non si è ancora spenta. Dopo il clamoroso risultato di audience televisiva della semifinale purtroppo persa contro la Cina sabato scorso, nel prossimo weekend diversi sono gli appuntamenti televisivi che vedranno in primo piano le azzurre. Domani Nadia Centoni e Monica De Gennaro saranno ospiti di Ballando con le Stelle, condotta da Milly Carlucci su Raiuno a partire dalle 21.15. Le due azzurre durante il corso dello show si cimenteranno come giudici speciali, commentando le esibizioni di ballo. Domenica invece Noemi Signorile e Cristina Chirichella parteciperanno alla trasmissione Quelli che il Calcio, in onda su Raidue dalle 13.45. Sempre domenica Valentina Diouf sarà intervistata da Fabio Fazio all’interno della trasmissione Che tempo che fa, uno dei programmi di punta di Raitre (ore 20.10).

Martedì prossimo, invece, alla presentazione ufficiale del prossimo campionato di serie A1, la Lega annuncerà la mostra itinerante della nazionale e della pallavolo femminile italiana, che spiccò il balzo grazie anche a Pietro Floriano Florio, il magistrato barese che fu lo storico presidente della federazione che avviò il processo di crescita del movimento nazionale, portandolo dalle palestrine di periferia sino ai grandi palazzetti gremiti di questi anni.

Uno spazio sarà dedicato anche all’Amatori Bari, prima squadra italiana in assoluto a vincere una coppa europea nel 1984, oltreché campione d’Italia nel 1979. Ieri una delegazione del club barese (ancora attivo nelle categorie minori) è stata ricevuta dal sindaco De Caro che ha riconsegnato la Coppa Cev vinta in Germania e che poi fu donata dalla società al Comune. Mimmo Magistro, storico fondatore e presidente dell’Amatori, accompagnato da alcune delle giocatrici di allora (Titti Paoloni, Chicca Alvisi, Nicla Viterbo che ha donato la sua maglia originale della 2000uno scudettata alla mostra) e di tecnici e dirigenti di allora e di oggi (Umberto De Santis, Nicola Catalano, il dottor Aceto, Manuela Magistro, Franco Campanale, Saverio Sassanelli e Carlo Brienza, direttore della sede Rai di Bari che negli anni ‘70 fu un ottimo pallavolista in serie B) l’ha ripresa e la porterà poi a Milano, dove verrà allestita la mostra che girerà l’Italia, si spera con una tappa anche a Bari.

«Nella prima giornata battemmo le ragazze turche - ricorda Magistro - c’erano cinquemila spettatori, tremila dei quali turchi scatenati (i turchi sono milioni in Germania): 3-1 e finalissima la domenica alle 14 contro le tedesche che avevano battuto il Civ con il nostro stesso punteggio. A fare il tifo per noi 2/300 emigrati da Stoccarda ed un gruppo di amici che ci aveva raggiunti in Germania. Partita splendida, decisa al quinto set, con i turchi che iniziarono a tifare per noi contro i tedeschi. Quando Rodica Popa mise per terra la palla del punto decisivo iniziarono i festeggiamenti che durarono sino alle 3 del mattino. Passavamo da un bar ad un ristorante di emigrati italiani. Tutti che piangevano, ci abbracciavano e gridavano di gioia, come se avessero vinto i mondiali di calcio! Una vittoria contro i tedeschi per quella gente era un premio impagabile. La notizia della nostra vittoria in Germania fu accolta da un boato allo stadio della Vittoria dove giocava il Bari. Un ricordo indelebile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione