Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 17:26

Caputo, stop di tre turni Paparesta: penalizzati? Non è il caso di parlare

ROMA – Tre giornate di squalifica sono state inflitte a Caputo (Bari) ed a Cosenza (Pro Vercelli). Salterà due turni Zappino (Frosinone), mentre ne sconteranno uno Blanchard (Frosinone), Defendi (Bari) e Sauro (Catania). Mano pesante del Giudice sportivo della Lega di Serie B, Emilio Battaglia, su Christian Terlizzi. Il difensore del Trapani è stato infatti squalificato per cinque giornate. Ammenda di 5.000 euro al Bari (laser verso l’arbitro)
Espulsioni, Mangia: così non va
Caputo, stop di tre turni Paparesta: penalizzati? Non è il caso di parlare
MILANO – Mano pesante del Giudice sportivo della Lega di Serie B, Emilio Battaglia, su Christian Terlizzi. Il difensore del Trapani è stato infatti squalificato per cinque giornate per avere, durante il match di ieri contro il Vicenza, «con il pallone non a distanza di giuoco, colpito con una manata al volto un calciatore della squadra avversaria; per avere, alla notifica del provvedimento di espulsione, rivolto all’arbitro espressioni ingiuriose assumendo nel contempo un atteggiamento intimidatorio». Tre giornate di stop per Francesco Caputo del Bari (gomitata a un avversario) e Francesco Cosenza della Pro Vercelli (pugno allo stomaco a un giocatore del Catania); due giornate invece per il portiere del Frosinone Massimo Zappino.  Squalificati per un turno Leonardo Blanchard (Frosinone), Marino Defendi (Bari) e Gaston Sauro (Catania). 

Per quanto riguarda le società, ammenda di 5.000 euro al Bari (laser verso l’arbitro), di 3.000 al Pescara, di 2.000 al Latina e al Perugia, di 1.000 euro al Trapani e al Vicenza. 

"Non è il caso di parlare di penalizzazioni di una squadra o di un’altra: è chiaro che ci sono stati degli episodi che sono stati valutati". Lo ha affermato Gianluca Paparesta, presidente del Bari, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano se nella riunione con gli arbitri di serie B avesse sollevato questioni specifiche relative a Bari-Perugia 0-2, partita caratterizzata dalle espulsioni di due giocatori pugliesi e dalle proteste nel dopogara dell’allenatore Devis Mangia.

"I giocatori devono imparare a stare al loro posto, a comportarsi in maniera corretta, e queste riunioni servono anche a far capire come determinati atteggiamenti devono per forza portare a determinati provvedimenti", ha detto al termine della riunione Paparesta, che ha ammesso una certa emozione nel vivere le partite da dirigente dopo una vita da arbitro: "Dall’altra parte della barricata è particolare, si soffre in campo, sugli spalti, nel vedere il lavoro di una settimana che non dipende più da te ma da un episodio, una giocata. Ci sta, ma serve per crescere a tutti quanti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione