Cerca

Vincenzo Matarrese: «Non è soltanto una questione economica»

Il presidente del Bari: «Spero proprio che non ci si debba fermare. È anche un danno a livello di immagine per l'Italia. Dobbiamo dimostrare al mondo che non siamo solo quei quattro delinquenti di Catania». Al San Nicola i tornelli «funzionano ma non hanno il lettore elettronico del biglietto»
ROMA - «Spero proprio che non ci si debba fermare. Fermare il calcio sarebbe un danno per l'Italia e per gli italiani». È arrivato anche il presidente del Bari, Vincenzo Matarrese, alla riunione informale della Lega calcio in corso nei pressi dell'aeroporto di Fiumicino. «Non è solo una questione economica - ha aggiunto il fratello del presidente della Lega calcio - anche se è chiaro che per le società di calcio tutto questo è un danno economico non indifferente, ma anche a livello di immagine per tutta l'Italia. Dobbiamo dimostrare al mondo che non siamo solo quei quattro delinquenti di Catania».
Il Bari, come confermato dallo stesso presidente scenderà in campo sabato prossimo a Brescia, porte chiuse: «Spero proprio di sì, aspettiamo di sentire cosa ci dice il presidente di Lega". In ogni caso, per le partite casalinghe, la società pugliese è convinta di poter risolvere in fretta i problemi del suo stadio, dove i tornelli «funzionano ma non hanno ancora il lettore elettronico del biglietto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400