Cerca

Sci alpino - Staudacher, oro mondiale nel superG

Mai salito sul podio, lo ha fatto conquistando il gradino più alto nella gara più importante. È italiana dunque la prima medaglia nella manifestazione svedese. L'oro vinto rappresenta la prima medaglia iridata maschile azzurra nella storia della disciplina. A Paerson la gara femminile
ARE (SVEZIA) - Non era mai salito sul podio, lo ha fatto oggi conquistando il gradino più alto nella gara più importante. È Patrick Staudacher il campione del Mondo di SuperG, è italiana la prima medaglia dei Mondiali di sci alpino di Aare. Dovevano partire sabato, ma il maltempo ha fatto slittare ad oggi la prima giornata. Un'attesa snervante, ma che alla fine è diventata quanto mai dolce per i nostri colori, visto che Staudacher ha sorpreso tutti vincendo un oro in cui nessuno credeva, neanche il 26enne altoatesino che prima di festeggiare la sua impresa, ha dovuto realizzare, capire, rendersi conto che il numero 1 era stato lui. Perfetta la prova del carabiniere di Colle Isarco che, con il tempo di 1'14"30, ha preceduto l'austriaco Fritz Strobl (medaglia d'argento) e lo svizzero Bruno Kernen (bronzo), rifilandogli rispettivamente 32 e 62 centesimi.
L'oro vinto in Svezia rappresenta la prima medaglia iridata maschile dell'Italia nella storia della disciplina, mai finora era arrivata la medaglia più importante. Un successo che permette a Staudacher di coronare una carriera che sinora non aveva regalato troppe gioie all'altoatesino, vittima di una serie di infortuni, il più grave due anni fa, quando subì il trapianto della cornea.
Le cose non sono andate invece bene a Peter Fill. Era il più atteso, in molti puntavano in lui e invece l'azzurro ha attaccato con troppa irruenza, si è fatto prendere dalla frenesia e ha concluso al quattordicesimo posto, un piazzamento che non può soddisfarlo. Fill si potrà comunque rifare sin dalla discesa di sabato. Positiva la prova di Massimiliano Blardone, sedicesimo a 1"08 dal vincitore e mai così in alto in supergigante. Werner Heel, ultimo del quartetto azzurro, è arrivato ventisettesimo a 1"44. Alla fine, comunque, tutti contenti gli azzurri. Fra le delusioni di giornata c'è sicuramente Bode Miller. L'americano, campione uscente, ha sbagliato numerose volte finendo ventiquattresimo, mentre Hermann Maier si è difeso col settimo posto.
La svedese Anja Paerson ha vinto la gara del Super-G femminile, confermando il titolo vinto due anni fa a Bormio. Argento all'americana Lindsey Kildow e bronzo all'austriaca Renate Goetschl .

d'arrivo della gara di Super-G uomini dei Mondiali di Aare 2007

1. Patrick Staudacher (Ita) 1:14:30
2. Fritz Strobl (Aut) 1:14.62
3. Bruno Kernen (Svi) 1:14.92
4. Christoph Gruber (Aut) 1:14.93
4. Didier Cuche (Svi) 1:14.93
6. Erik Guay (Can) 1:14.95
7. Hermann Maier (Aut) 1:14.96
7. Jan Hudec (Can) 1:14.96
9. Fran‡ois Bourque (Can) 1:14.97
10. Marco Buechel (Lie) 1:14.99
11. Mario Scheiber (Aut) 1:15.09
12. Steve Nyman (Usa) 1:15.20
13. Aksel Lund Svindal (Nor) 1:15.24
14. Peter Fill (Ita) 1:15.31
14. Silvan Zurbriggen (Svi) 1:15.31
16. Massimiliano Blardone (Ita) 1:15.38

Ordine d'arrivo della gara di Super-G donne dei Mondiali di Aare 2007

1. Anja Paerson (Sve) 1:18.85
2. Lindsey Kildow (Usa) 1:19.17
3. Renate Goetschl (Aut) 1:19.38
4. Nicole Hosp (Aut) 1:19.44
4. Britt Janyk (Can) 1:19.44
6. Julia Mancuso (Usa) 1:19.63
7. Nadia Styger (Svi) 1:19.65
8. Alexandra Meissnitzer (Aut) 1:19.97
9. Libby Ludlow (Usa) 1:20.08
10. Maria Riesch (Ger) 1:20.18
11. Fabienne Sutter (Svi) 1:20.19
12. Martina Schild (Svi) 1:20.63
13. Emily Brydon (Can) 1:20.65
14. Tina Maze (Slo) 1:20.73
15. Petra Haltmayr (Ger) 1:20.74 16.
17. Johanna Schnarf (Ita) 1:21.08

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400