Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 22:22

Coppa Italia di calcio Lecce, doccia fredda Spezia-gol nel finale

LA SPEZIA - Lo Spezia centra la qualificazione al terro turno di Coppa Italia di calcio. Lecce eliminato. Il successo (1-0) matura a 5’ dalla conclusione. Ciurria, entrato da pochissimi secondi, guadagna una punizione da posizione laterale. La sua successiva battuta finisce tra i piedi di De Col che salta l’avversario e con un preciso diagonale infila nell’angolino proprio sotto la curva ospite occupata da una ventina tifosi provenienti dal Salento. Lo Spezia avanza, il Lecce saluta la Coppa dopo aver disputato un buon primo tempo, ma una ripresa decisamente rinunciataria
Bari-Savona, Mangia: voglio vincere
Coppa Italia di calcio Lecce, doccia fredda Spezia-gol nel finale
SPEZIA-LECCE 1-0

SPEZIA (4-4-2)Nocchi 6; De Col 7, Daktovic 6, Ceccarelli 6,5,Migliore 6; Schiattarella 6, Sammarco 6, Juande 6 (43’ st Bakic ng),Culina 6 (40’ st Ciurria ng); Catellani 7, Ebagua 6 (20’ st Ardemagni6). A disp.: Bazzucchi, Bedei, Acampora, Ceccaroni, Cisotti,Valentini, Bastoni. All. Bjelica.
LECCE (4-4-2): Bleve 7; Donida 5,5, Sacilotto 5, Abruzzese 6, Lopez 6;Rosafio 6 (1’ st Carrozza 5.5), Amodio 6 (43’ st Cicerello ng), Salvi5,5, Doumbia 6; Moscardelli 7 (38’ st Bogliacino ng), Della Rocca 5. A disp.: Chironi, Brunetti, Palombo, Morello, Persano. All. Lerda (squalificato); in panchina Chini.ù
ARBITRO: Gavillucci di Latina 6.
RETE: st 40’ De Col.
NOTE: piacevole serata estiva, terreno di gioco in buone condizioni. Ammoniti Ceccarelli, Daktovic, Juande, Sacilotto e Bogliacino.Spettatori 5.973 di cui 2.821 paganti, per un incasso di 14.677euro. Calci d’angolo 8-0 per lo Spezia. Recupero: pt 0’; st 3’.

LA SPEZIA - Il Lecce si arrende nella ripresa allo Spezia ed è costretto ad abbandonare la Coppa Italia «Tim Cup». Ma i salentini di Franco Lerda al cospetto di una formazione di categoria superiore, soprattutto nel corso della prima frazione, non hanno affatto demeritato.

Riavvolgiamolo subito, il film della gara. Dopo appena trenta secondi dall’avvio delle ostilità, è lo Spezia ad accendere la sfida con un inserimento di Culina, su un retropassaggio azzardato della difesa salentina, che costringe Bleve a una difficile uscita sulla cui ribattuta Ebagua azzarda la soluzione spettacolare dalla distanza, ma non centra lo specchio. All’8’ e al 10’ sono ancora due tiri da fuori area di Sammarco a tentare la via della rete, ma la sua mira non è precisa ed il pallone plana dritto nella curva dei tifosi spezzini. Il Lecce reagisce al 17’: dopo un batti e ribatti di testa in area di rigore tra gli attaccanti giallorossi, l’ingarbugliata situazione viene risolta con una spettacolare rovesciata di Moscardelli che sfiora l’incrocio più lontano. Al 29’ è ancora l’attaccante ospite a rendersi pericoloso per effetto di una velenosa punizione respinta con i pugni da Nocchi. E un minuto più tardi arriva puntuale la risposta dello Spezia con un rasoterra di Schiattarella dal limite, con Bleve però promnto ad opporsi in tuffo.

I padroni di casa mantengono una leggera supremazia territoriale testimoniata dai cinque calci d’angolo totalizzati fino a questo momento del confronto, che però non riescono a sfruttare grazie anche all’attenta difesa del Lecce, capace di esprimere un gioco aereo assai efficace. La prima frazione si conclude a reti inviolate, ma le squadre lasciano il rettangolo di gioco tra gli applausi.

Lo Spezia parte a razzo nella ripresa con uno scatenato Catellani. Al 4’ l’attaccante di casa provoca l'occasione più ghiotta della gara: l’ex Sassuolo viene liberato in corsa da Daktovic e appena dentro l’area scarica un destro su cui Bleve vola e respinge. Al 9’ altra fuga di Catellani, smarcato da Sammarco, che da posizione angolata indirizza fuori il diagonale. Il Lecce reagisce al quarto d’ora, ma la conclusione di Moscardelli non centra la porta. Al 20’ ancora Catellani, scatenato, si fa cogliere libero in area e scarica di destro costringendo Bleve a deviare il pallone sul palo. Al 26’ lo stesso attaccante «aquilotto» cerca il numero ad effetto: ottimo sprint sulla sinistra e dribbling a rientrare su Sacilotto, ma il suo destro a girare lambisce il palo più lontano. Il Lecce va un po’ in affanno e solo Moscardelli con alcune conclusioni da fuori cerca di caricare i suoi compagni.

Lo Spezia però vuole la qualificazione ed il successo matura a 5’ dalla conclusione. Ciurria, entrato da pochissimi secondi, guadagna una punizione da posizione laterale. La sua successiva battuta finisce tra i piedi di De Col che salta l’avversario e con un preciso diagonale infila nell’angolino proprio sotto la curva ospite occupata da una ventina tifosi provenienti dal Salento. Lo Spezia avanza, il Lecce saluta la Coppa dopo aver disputato un buon primo tempo, ma una ripresa decisamente rinunciataria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione