Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 05:58

Lecce, doppia sfida Rebus Miccoli e Lopez

di MASSIMO BARBANO
LECCE - È il giorno di Miccoli e Lopez. Oggi i due calciatori il cui contratto è scaduto il 30 giugno scorso si incontreranno con la proprietà per definire i termini del rinnovo per un altro anno. Più semplice l’operazione che riguarda il capitano con il quale c’è stato già un precedente colloquio nel corso del quale le due parti hanno chiuso un accordo di massima sulla parola. A meno di clamorose sorprese, quindi, si tratterà di ratificare quanto già stabilito de visu. Più articolata, ma non impossibile, la trattativa con il terzino uruguaiano
Lecce, doppia sfida Rebus Miccoli e Lopez
di MASSIMO BARBANO

LECCE - È il giorno di Miccoli e Lopez. Oggi i due calciatori il cui contratto è scaduto il 30 giugno scorso si incontreranno con la proprietà per definire i termini del rinnovo per un altro anno. Più semplice l’operazione che riguarda il capitano con il quale c’è stato già un precedente colloquio nel corso del quale le due parti hanno chiuso un accordo di massima sulla parola. A meno di clamorose sorprese, quindi, si tratterà di ratificare quanto già stabilito de visu. Più articolata, ma non impossibile, la trattativa con il terzino uruguaiano. In questo caso, dopo una stagione che Lopez ha condotto ad alti livelli di prestazione, il problema è la misura dell’ingaggio, che dovrà essere ritoccato rispetto all’anno scorso ed anche la durata del contratto che l’agente di Lopez, Pablo Betancourt vorrebbe triennale. Tuttavia, negli ambienti societari si nutrono fondate speranze che entrambe le operazioni possano andare in porto.

E a stretto giro di posta saranno definiti tre altri «rientri», quello del centrocampista Louis Sacilotto, anche per lui contratto da rinnovare, così pure per il terzino Erminio Rullo e quello del difensore Kevin Vinetot. Per quest’ultimo vanno definiti gli ultimi dettagli con il Genoa per il rinnovo del prestito per un altro anno. Insomma, altri tasselli importanti che la dirigenza giallorossa sta ricomponendo per ritessere, come una tela di Penelope, l’ossatura dello scorso campionato, cercando di trattenere i migliori elementi. Se andranno in porto i rinnovi di Miccoli, Lopez, Vinetot, Rullo e Sacilotto, che si aggiungono a quelli di Papini, Doumbia, Perucchini, Salvi e Diniz, sarebbero ben dieci i «superstiti» della scorsa stagione riaggregati.

E se a questi si aggiungono i giocatori sotto contratto (Abruzzese, Martinez, Amodio, Bellazzini, Barraco), si può dire che il Lecce è pronto a partire per il prossimo campionato con un organico collaudatissimo, perchè composto dal 90% di calciatori che giocavano insieme già dallo scorso anno. Un fattore non da poco, se si considera che proprio un problema della scorsa stagione iniziata malissimo con cinque sconfitte consecutive in altrettante partite, è stato costituito proprio dalla mancata coesione di una squadra presentatasi al via completamente rinnovata e finita di assemblare pochi giorni prima dell’avvio del torneo.

Quest’anno dunque, si cambia completamente politica, anche se ovviamente, la proporzione vecchi-nuovi, attualmente maggioritaria con i primi, subirà qualche modifica. Intanto, perchè dovrà arrivare qualche nome nuovo soprattutto in attacco (probabile nei prossimi giorni l’acquisto di Della Rocca della Cremonese) e poi perchè è possibile qualche partenza. i più «indiziati» per fare le valigie sono Amodio e Ballazzini (quest’ultimo potrebbe andare come conguaglio alla Cremonese per avere Della Rocca). Possibile che anche il portiere Perucchini possa essere dato in prestito, se dovesse tornare Caglioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione