Cerca

Calcio / Serie B - Il derby Lecce-Bari

Sale la "febbre" dei tifosi per la partita in programma nel capoluogo salentino sabato pomeriggio. Le dichiarazioni e le novità sul campo dagli allenatori Zeman e Maran. Imponenti misure di sicurezza
Calcio Zeman BARI - Rieccolo il derby tra Lecce e Bari. Torna dopo quattro anni ad accendere le fantasie dei tifosi e hanno voglia Zeman e Maran a fare intendere che in fondo è una partita da disputare sì con mille attenzioni, con grande concentrazione, ma in fondo da considerare come le altre.
Che sia derby lo si capisce anche da come la Questura di Lecce si sta attrezzando per l'incontro di domani pomeriggio al Via del Mare. Il questore Manari ha predisposto un accurato piano di controllo, a cui parteciperanno anche forze dell'ordine che arriveranno da Bari: saranno presidiati soprattutto punti nevralgici come la stazione ferroviaria, l'accesso della superstrada e le strade che portano allo stadio.
Ma sarà derby personale anche tra le due panchine. Domani Zeman avrà di fronte proprio quel Maran che egli sostituì l'anno scorso alla guida del Brescia. Il boemo schiva le polemiche e regala parole di apprezzamento per il Bari: «È una squadra quadrata che trova la sua forza principale nella fase difensiva. Noi comunque faremo come sempre la nostra gara cercando di ottenere il risultato col gioco».
Calcio Bari - Rolando Maran Anche Maran getta acqua sul fuoco: «Zeman non ha nessuna responsabilità sulla scelta di cambiare la guida tecnica del Brescia. La battuta sulla squadra in "autogestione"? Non era rivolta a me ed al mio lavoro. Tanto mi basta. Non conosco il tecnico del Lecce e per questo non ho altro da aggiungere».
Ma Maran non si può sottrarre dal clima di sovraeccitazione che accompagna la sfida di domani. Dopo l'allenamento di rifinitura all'antistadio, la domanda se avesse in programma di imitare Delio Rossi, tecnico della Lazio, promettendo in caso di vittoria un tuffo nel mare barese di "Pane e Pomodoro", lo ha fatto sorridere, ma con discrezione tutta trentina, ha rimandato al dopo derby la risposta. «Vi farò sapere», ha sorriso senza scomporsi. Poi ha promesso: «Noi, come sempre, puntiamo ai tre punti e daremo il massimo per conquistarli al Via del Mare».
Anche Zeman ammette che la partita di domani contiene «una spinta emotiva in più», ma poi ammonisce: «Non bisogna commettere l'errore di giocare questa gara sull'onda emotiva piuttosto che su quella della razionalità e della tecnica».
Sul piano della formazione tra i salentini dovrebbero esserci le novità di Polenghi al posto di Angelo, il ritorno di Schiavi in difesa e di Juliano a centrocampo. Da parte barese Maran annuncia: «Nessuna rivoluzione».
Ci sarà buona partecipazione di pubblico calcolato attorno ai 15mila spettatori; da Bari arriveranno in tremila, tutti ospitati in curva sud. Ci sarà anche il sindaco di Bari, Michele Emiliano (Unione), invitato dalla collega leccese, Adriana Poli Bortone (Cdl). A suo modo un derby anche questo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400