Cerca

Calcio / Serie A - Palermo fermato a Parma

Nella 14ª giornata, I rosanero (0-0 a Parma) si allontanano da Inter e Roma. Il Milan pareggia a Cagliari (2-2). Vincono in casa Fiorentina (1-0 alla Lazio) e Torino (1-0 all'Empoli). Colpi in trasferta di Chievo (2-0 a Livorno) e Sampdoria (2-0 a Messina). Udinese-Reggina 1-1
E' una domenica di Seria A senza i suoi attori principali, Inter e Roma, che la loro parte da protagonisti l'anno già recitata ieri. Quella di oggi è una 14/a giornata di campionato orfana dei gol di Totti e dei guizzi di Crespo, segnata dai due pareggi fuori casa di Milan e Palermo che continuano a stentare e dal gol fantasma di Torino-Empoli dell'azzurro Matteini non visto dal guardalinee Ivaldi.
Dopo le vittorie nei due anticipi le squadre di Mancini e Spalletti hanno fatto il vuoto: il Palermo visto a Parma conferma il suo momento difficile e non riesce a tenere il passo delle grandi. Non basta il forcing finale degli avanti palermitani per andare oltre il pareggio e riprendere la corsa verso la testa della classifica. Milan-Cagliari è un match contrassegnato dagli errori arbitrali (vantaggio di Gilardino in sospetto fuorigioco e rigore dubbio per i rossoblu) con i rossoneri che confermano i loro limiti in campionato e solo grazie ad una grande prestazione di Borriello riescono a limitare i danni.
Partita destinata a far parlare di se più per gli errori arbitrali che per le prodezze viste in campo è Torino-Empoli vinta dai granata grazie ad un eurogol di Comotto. Il tecnico empolese Gigi Cagni getta però acqua sul fuoco delle polemiche e con molta sportività non getta la croce addosso al guardalinee Ivaldi. Match divertente che non tradisce le attese della vigilia quello allo stadio Artemio Franchi di Firenze dove i viola battono di misura una Lazio mai doma che mantiene intatti i sogni di Champions. Rialza la testa la Sampdoria che dopo la batosta di Marassi con la Roma e i gol spettacolo di Totti rivede protagonista il suo gioiellino Quagliarella che a Messina firma il definitivo 2-0. Comincia a carburare anche il Chievo di Delneri che si impone a Livorno grazie alla doppietta del funambolo Obinna che si scatena nella ripresa. A salvare l'Udinese di Galeone (panchina sempre in bilico) ci pensa il campione del Mondo Vincenzo Iaquinta: i friulani sotto in casa per buona parte della partita contro la Reggina (grazie all'ottavo gol del giovane Bianchi) non vanno oltre il pareggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400