Cerca

Bari, la carica dei 35mila Asta: c'è l'offerta di Rosati E arriva anche Ghirardini Nella cordata un ingegnere Finmeccanica

di NICOLA PEPE
BARI - In tribunale depositata la prima busta con l'offerta per l'asta di domani. A consegnarla l'imprenditore Paolo Montemurro per conto dell'As Bari 1908 dell'ex presidente del Varese, Antonio Rosati e presidente in pectore della società biancorossa in caso di aggiudicazione: con lui l'ex socio di Paparesta, Fabio Sperduti. Intanto è arrivato a Bari anche l'imprenditore Franco Ghirardini, il che fa pensare a una seconda offerta. Si lavora sull'azionariato popolare. Venduti circa 31mila biglietti per la partita di oggi con il Cittadella: si stimano 35mila presenze. Domani la terza chiamata dell'asta: la Gazzetta seguirà in diretta streaming l'evento sul suo sito: collegamento a partire dalle 10 (nella foto di Luca Turi, Montemurro e Rosati all'arrivo al Palagiustizia)
Bari, la carica dei 35mila Asta: c'è l'offerta di Rosati E arriva anche Ghirardini Nella cordata un ingegnere Finmeccanica
BARI - Il primo atto concreto è ormai fatto. In tribunale è arrivato l'imprenditore Paolo Montemurro per consegnare la busta contenente l'offerta del Bari calcio per conto dell'As Bari 1908 dell'ex presidente del Varese, Antonio Rosati che lo accompagnava unitamente all'ex socio di Paparesta, Fabio Sperduti. Intanto è atterrato a Bari anche l'imprenditore Franco Ghirardini, il che farebbe pensare a un'altra offerta. Un fatto dopo annunci, retromarce, fotocopie di assegni che dovrebbero girare via web. Il tutto condito da sospetti che avrebbero fatto accendere i riflettori della Procura e della Guardia di finanza sull'intera vicenda. Il Bari calcio, per ora, produce risultati (fortunatamente) solo sul campo grazie alla sua squadra e al sostegno di decine di migliaia di tifosi che continuano a manifestare solidarietà sostenendo la formazione biancorossa.
Stasera, per la gara casalinga con il Cittadella importante per i playoff si "rischia" di toccare il record delle 35mila presenze dell'incontro con il Latina.
Domani, invece, è la terza chiamata dell'asta fallimentare dopo il flop delle due precedenti edizioni del 18 aprile e 12 maggio: la Gazzetta, come sempre, seguirà l'evento in diretta streaming sul suo sito a partire dalle 10. L'inizio della fase ufficiale dell'asta è previsto alle ore 11 quando giudice delegato e curatori comunicheranno l'eventuale presentazione, oppure no, di offerte. La scadenza del termine è alle 10.30 dello steso giorno.
Di certo, per ora, c'è una base d'asta che è scesa dai 4,3 milioni di euro iniziali (oltre ai circa 3 milioni di debito sportivo) ai 2 milioni attuali dopo i 3,5 milioni dell'ultima asta andata deserta. Per la cronaca: sarebbero sei le società costituite presso la Camera di commercio ad avere le carte in regola per poter partecipare. Resta tuttavia l'incognita dei soldi: entro martedì, alle 10.30, dovrà arrivare una busta con l'offerta all'interno della quale ci dovrà essere il famoso assegno circolare o un bonifico. Si tratta di una corsa contro il tempo perchè, come ha detto il giudice delegato Anna De Simone (dal prossimo 23 maggio sarà trasferita all'ufficio gip-gup) "l'esercizio provvisorio" (cioè la curatela) non è in grado di far fronte agli impegni economici che incombono sul mese di giugno. Intanto il bookmaker inglese Stanleybet ha quotato la vendita del Bari: l'esito positivo dell'asta è quotato a 1,20.

PIZZERIAPer il resto, il tormentone virale #compratelabari che sulla fanpage di Facebook ha raggiunto quasi quota 20mila, si sta diffondendo a livello globale coinvolgendo tutti in una vera e propria campagna a favore del Bari. Ieri, in un ipermercato cittadino, erano esposte in frigorifero alcuna torte biancorosse con lo'hashtag #compatelabari. Anche Antonio Cassano ha mostrato la scritta sulla maglietta durante il primo tempo della partita del Parma.

Inoltre, i gestori e lo staff di una nota pizzera barese ("Da Donato") che è stata punto di riferimento per giocatori e allenatori biancorossi, hanno indossato le maglie storiche firmate da alcune glorie del Bari smontando così quello che era un vero e proprio museo esposto all'interno del locale.
@nicolapepe

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400