Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 07:40

Pallavolo - L'Italia annichilisce anche la Sudcorea

Le azzurre vincono per 3-0 (25-18 25-19 25-13). Il Mondiale in terra nipponica per le campionesse del mondo in carica prosegue nel migliore dei modi (il ko dell'esordio diventa sempre più un lontano ricordo). Sesta vittoria consecutiva. Ora Taipei (sabato) e Giappone (domenica) prima delle semifinali
ITALIA: Rinieri 14, Anzanello 8, Togut 5, Piccinini 13, Paggi 7, Lo Bianco 2. Libero: Cardullo. Guiggi 1, Centoni 9, Ortolani, Fiorin 1. Non entrata: Dall Igna. Allenatore: Barbolini.
COREA DEL SUD: Kim Sa-Nee 2, Jung Dae-Young 3, Han Song-Yi 6, Hwang Youn-Joo 12, Kim Yeon-Koung 10, Kim Se-Young 3. Kim Hae-Ran (L). Nam Jie-Youn, Han Soo-Ji. Non entrate: Bae Yoo-Na, Kim Sa-Nee, Kim Ji-Hyun. All. Kim Myeong-Soo.
Arbitri: Leuthausser (Ger) e Al Enezi Durata set: 21, 22, 15.
Italia: battute sbagliate 8, vincenti 4, muri 6, errori 6. Corea del Sud: bs 3, v, m 4, e 11.

NAGOYA (GIAPPONE) - Un altro passo verso le semifinali. L'avventura in terra nipponica per l'Italia campione del mondo prosegue nel migliore dei modi e il ko dell'esordio diventa sempre più un lontano ricordo. La nazionale femminile di volley allunga la sua striscia di vittorie consecutive a sei e questo grazie alla prestazione con cui le azzurre hanno annichilito la Corea del Sud. Una vittoria netta, meritata, mai in discussione che fa sorridere il ct Barbolini che vede le semifinali sempre più vicine. La sconfitta odierna di Taipei con Cuba, infatti, regala alle azzurre il secondo posto solitario nella pool E, alle spalle della Serbia, una posizione che se confermata anche alla fine della seconda fase vorrebbe dire centrare l'obiettivo della vigilia del Mondiale: un posto tra le prime quattro ovvero la conferma della crescita tecnica del movimento italiano.
Barbolini ha insistito con la formazione titolare, ma già nel primo set ha rilevato una buona Togut con la Centoni. La schiacciatrice friulana soffre da qualche giorno di una leggera contrattura alla schiena e un po' di riposo non può che farle bene. Del resto la sua sostituta non l'ha fatta rimpiangere con un 9 su 15 in attacco più che soddisfacente. E nel corso del terzo set spazio anche a Guiggi, Fiorin (che ha siglato il punto finale della gara) ed Ortolani.
La partita non ha riservato grandi incertezza, l'equilibrio è durato soltanto sino al 7-7 pari del primo set, poi lentamente ma inesorabilmente le azzurre hanno preso il largo e dominato. L'Italia ha battuto discretamente ed attaccato bene, in ricezione ha sofferto inizialmente le battute «lunghe» delle coreane. Un discorso a parte merita il muro, in difficoltà per un set e mezzo, fino a divenire un'arma in più nel terzo quando una buona Anzanello si è esaltata piazzandone ben tre vincenti.
Venerdì giornata di riposo, si torna in campo nella notte italiana tra venerdì e sabato (ore 3) per affrontare Taipei, la cui bella favola vissuta nella prima fase sembra ormai conclusa. «La Corea ha difeso meglio di quello che ci aspettavamo - è stato il commento a fine gara di Massimo Barbolini - ma siamo stati bravi in attacco, le abbiamo tenute sempre sotto pressione. Dal terzo set abbiamo murato molto bene e questo ci ha consentito di far bene anche in difesa. E' importante continuare ad avere questo trend positivo. La sostituzione della Togut? Da qualche giorno ha una contrattura alla schiena, ha bisogno di riposarsi, chi l'ha sostituita ha fatto benissimo».
Per Nadia Centoni «questa partita ci è servita per prendere le misure alle squadre asiatiche. Le cose stanno andando bene, oggi credo che abbiamo giocato una buona partita, dobbiamo lavorare ancora un po' sul muro, ma mi sembra che la crescita del nostro rendimento sia costante». «Sei vittorie consecutive sono tante, ma adesso dobbiamo continuare e fare il pieno in questa fase - le fa eco Paola Cardullo -. L'unica difficoltà della gara è stata prendere il ritmo del loro gioco, poi tutto ha funzionato bene». Soddisfatta anche Francesca Piccinini: «un buon inizio per questo trittico di gare con le asiatiche. Abbiamo attaccato forte, ma contro queste squadre se non lo fai la partita non la vinci». «Una bella vittoria con punteggi larghi, molto utili se dovesse servire il calcolo del quoziente punti», ha aggiunto Eleonora Lo Bianco.

Questi i risultati delle partite della seconda fase del girone E giocate oggi ai Mondiali
di pallavolo femminile in svolgimento a Nagoya in Giappone

Polonia-Serbia 0-3 (15-25 22-25 14-25)
Taipei-Cuba 0-3 (21-25 20-25 14-25)
Corea del Sud-Italia 0-3 (18-25 19-25 13-15)
Giappone-Turchia 3-1 (30-28, 22-25, 25-21, 25-17)

Classifica: Serbia 10, Italia 8, Cuba, Taipei, Giappone 6, Polonia 2, Turchia 2, Corea del Sud 0.

Sabato: Taipei-Italia (ore 3); Corea del Sud-Cuba (5); Polonia-Turchia (7); Giappone-Serbia (10).
Domenica: Polonia-Cuba (3); Taipei-Serbia (5); Corea del Sud-Turchia (7); Giappone-Italia (10).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione