Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 00:15

Pallavolo - L'Italia sbriciola la Polonia

Nella prima partita della seconda fase del Mondiale in Giappone, le ragazze di Barbolini si impongono nettamente 3-0 sulle campionesse d'Europa in carica. Questo il cammino per raggiungere le semifinali: la Corea del Sud giovedì, Taipei sabato e Giappone domenica
ITALIA-POLONIA 3-0 (25-19, 25-22, 25-13)

ITALIA: Rinieri 8, Anzanello 8, Togut 10, Piccinini 9, Paggi 10, Lo Bianco 4, Cardullo (L), Centoni 1. Non entrate: Guiggi, Ortolani, Dall'Igna, Fiorin.
Allenatore: Barbolini.
POLONIA: Skowronska 5, Podolec 5, Rosner 3, Liktoras 10, Belcik 5, Mirek 6. Zenik (L), Maj, Fratczak 2, Pycia 1, Bamber 2. Non entrata: Skorupa. Allenatore: Klos._ARBITRI: Loderus (Ned) e Li (Chn). NOTE: Spettatori: 1000. Durata set: 21', 24', 21'. Totale: 1h06. Italia: battute sbagliate 6, vincenti 7, muri 3, errori 8. Polonia: bs 9, v 4, m 4, e 15.

NAGOYA (GIAPPONE) - Pokerissimo azzurro. Continua la striscia vincente delle ragazze di Massimo Barbolini, che colgono contro la Polonia, nella prima gara della seconda fase, la quinta affermazione consecutiva. Non c'era modo migliore per debuttare nel girone E e il 3-0 inflitto oggi alle avversarie è segno che l'Italia sembra aver ritrovato definitivamente la strada giusta dopo il ko all'esordio contro la Serbia&Montenegro che aveva fatto suonare un campanello d'allarme. L'Italia ha vinto con merito contro le campionesse d'Europa in carica al termine di una sfida che ha sempre avuto in pugno, anche nei rari momenti in cui Skowronska e compagne si sono rese pericolose. «Le ragazze sono state molto brave a tenere sempre il ritmo alto», ha detto Barbolini sottolineando uno degli aspetti importanti dell'andamento della gara. Aspetto che avrà una sua rilevanza anche negli impegni dei prossimi giorni contro le asiatiche: la Corea del Sud domani, Taipei sabato e Giappone domenica. L'Italia deve riuscire a fare l'enplein perché si spalanchino per le azzurre le porte delle semifinali.
Tornando al match di oggi, in casa azzurra è scesa in campo la formazione titolare e non c'è stata necessità di operare nessuna sostituzione. Il match è scivolato via tranquillo, con pochi sussulti nella parte centrale del primo set ed all'inizio del secondo. Tra le singole bene le centrali, non tanto a muro, quanto per il lavoro oscuro della fase difensiva. Paola Paggi ha fatto molto bene in attacco (10 su 16), scaldando il braccio per le gare con le orientali mentre Sara Anzanello ha siglato ben tre aces, cosa per lei abbastanza inusuale.
Giovedì alle ore 7 Rinieri e compagne scenderanno in campo contro la Corea del Sud, oggi superata nettamente per 3-0 dalla Serbia. «Temevo molto questa partita con la Polonia - è stato il commento del ct Barbolini - Era una gara non facile, anche perché venivamo, in pratica da tre giornate senza giocare. Le ragazze sono state molto brave a tenere sempre il ritmo alto ed a non lasciarsi trascinare dalle polacche. Abbiamo battuto abbastanza bene, ma possiamo ancora migliorare in questo fondamentale». Soddisfatta anche la Anzanello, secondo la quale le azzurre hanno «vinto soltanto la prima di quattro gare fondamentali. L'importante è essere sempre concentrate e consumare le giuste energie ogni giorno». «Giocare di mattina non è mai semplice, anche se ci è capitato altre volte in tornei importanti. Oggi siamo state brave a non giocare sotto ritmo come preferiscono loro - sono le parole dell'alzatrice Eleonora Lo Bianco - Siamo andate abbastanza bene, ma possiamo ancora migliorare molte cose».
Sorride anche Paola Paggi, che parla di una «gara in cui mi sono divertita, anche se credo che sia stato così per tutta la squadra. Da domani ci toccano la asiatiche, per non soffrire devi subito entrare nel loro ritmo e battere al meglio». L'ultima parola spetta al capitano Simona Rinieri: «abbiamo vinto meritatamente un'altra gara e guardiamo avanti. Noi giochiamo partita dopo partita, poi alla fine faremo i conti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione