Cerca

Calcio/Serie A - Il Palermo resta attaccato all'Inter

Impresa dei rosanero a Firenze (3-2) grazie a un grande Amauri (doppietta). A punti anche le altre due siciliane: 2-1 del Messina al Chievo e 1-1 in Catania-Torino (giocata a Bari). Vincono anche il Siena (1-0 ad Ascoli), il Parma (3-1 all'Atalanta) e il Cagliari (1-0 alla Samp). Lazio-Reggina 0-0
ROMA - Inter e Palermo continuano la loro marcia a braccetto in testa alla classifica di serie A a suon di gol. Ieri sette gol al Meazza nel 4-3 della banda di Mancini, oggi cinque al Franchi nel 3-2 con cui i rosanero hanno inflitto ai viola il quarto ko della stagione grazie a un super Amauri. Il brasiliano con la sua doppietta trascina il Palermo all'impresa che fa impazzire di gioia incontenibile Francesco Guidolin, che augura al suo eroe un futuro in azzurro.
La Fiorentina, ancora scossa dalle sentenze dell'Arbitrato, affoga le sue amarezze in una partita di rara intensità e la squadra merita alla fine l'applauso di Prandelli e della curva Fiesole. Grande però l'impresa del Palermo, che ha ormai assunto il passo e supera con l'autorevolezza della grande anche l'esame di Firenze: in vantaggio con Di Michele, risponde all'autogol di Barzagli col nuovo vantaggio di Amauri, gol di Mutu sembra quello del definitivo 2-2, prima dell'ultimo guizzo di Amauri.
In classifica il Palermo aggancia l'Inter a 21 punti, a quattro punti resta la Roma che lascia la 'crisettà a Udine. Sorpasso del sempre più sorprendente Siena di Beretta: grazie a un super gol di Codrea i bianconeri scavalcano Udinese e Atalanta. Ai nerazzurri di Colantuono questa volta la rimonta a Parma non riesce e incassano la seconda sconfitta del campionato. Ma la rabbia atalantina si scaglia contro l'arbitro Herberg per il discutibile rigore di Grella e l'espulsione di Loria. Violente proteste anche ad Ascoli dopo la sconfitta con il Siena: nel mirino dei tifosi marchigiani l'arbitro Palanca soprattutto per l'espulsione di Pesce nel primo tempo e dai tanti cartellini gialli. Tornano alla vittoria il Messina e il Cagliari. I giallorossi di Giordano pescano il jolly al 94' con un gol di Floccari, che raddoppia quello del solito Riganò, sempre più capocannonniere del campionato (ora a quota sette). Il gol di Tiribocchi aveva illuso il Chievo, che nonostante il cambio di panchina deve incassare il settimo ko, e finora non ne ha ancora vinta nemmeno una. A Cagliari invece un gol di Daniele Conti regala la prima vittoria alla squadra di Giampaolo e fa nuovamente arrabbiare l'allenatore della Sampdoria Novellino.
Grazie al 3-1 sull'Atalanta dà un po' di ossigeno al Parma, che con i tre punti aggancia il Milan insieme con il Torino, che firma uno dei due unici pareggi della giornata. Sul neutro di Bari il Catania sogna a lungo il successo: va 1-0 con Spinesi dal dischetto, a pochi minuti dal novantesimo Franceschini trova l'1-1. Finisce invece senza reti, tra noia prima e nervosismo poi, la partita dell'Olimpico tra Lazio e Reggina. I calabresi fanno un altro piccolo passo avanti e grazie alle parate di Pelizzoli vedono sempre più vicina la zona punti. Per i biancocelesti ancora una battuta d'arresto: l'unica nota lieta il ritorno in campo dopo quasi un anno di Simone Inzaghi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400