Cerca

Calcio/Serie A - Palermo in vetta con l'Inter

I nerazzurri fanno 0-0 a Udine, la Roma impatta 1-1 contro il Chievo di Del Neri. Rimonta dell'Atalanta: da 0-2 a 3-2 contro la Samp. Catania-Lazio 3-1 sul neutro di Lecce. Fiorentina facile (3-0) sulla Reggina. Vince il Parma (1-0 all'Ascoli). Nel posticipo il Palermo batte il Milan 2-0
ROMA - Frenano Inter e Roma in testa, fermate rispettivamente da Udinese e Chievo. Il Palermo batte il Milan e raggiunge l'Inter in vetta alla classifica.
Avvicina la vetta l'Atalanta, capace di ribaltare il risultato contro la Sampdoria dallo 0-2 al 3-2. I bergamaschi agganciano i friulani a quota 12 punti.

In cima, senza penalizzazione, troverebbe posto anche la Fiorentina. I viola a spese della Reggina inanellano la terza vittoria consecutiva e la raggiungono a -7. Da applausi Mutu, in evidenza Blasi, al suo primo gol in serie A. Cade malamente la Lazio sul neutro di Lecce contro il Catania, che non si lascia impressionare dagli spalti deserti.
L'Inter - priva di Adriano, a riposo - gioca un primo tempo incolore, probabilmente risentendo ancora delle tossine accumulate in Champions League. Nella ripresa i nerazzurri si scuotono e conducono il gioco, ma il gol non arriva, nonostante l'innesto di Recoba. L'Udinese cerca di pungere in contropiede. Alla fine è 0-0, terzo pareggio dell'Inter. Un pari lo strappa anche la Roma, ma con molta fatica, al cospetto del Chievo. Torna nella capitale da avversario Gigi Del Neri.
Aveva lasciato la panchina giallorossa dimettendosi nel marzo 2005. Il tecnico consuma un altro pezzetto della sua vendetta costringendo la Roma all'1-1. La squadra di Spalletti, dopo il ko di Reggio Calabria, inciampa nei veneti e manca l'occasione di agguantare il primo posto. Anzi, sono gli ospiti ad andare in vantaggio con Pellissier (in evidente fuorigioco) e la Roma deve ringraziare il primo gol in campionato di Francesco Totti se evita la sconfitta casalinga. In almeno altre tre occasioni Sicignano si oppone alle conclusioni degli attacchi romanisti. Ma l'ultima parata decisiva è di Doni su Tiribocchi.
La Samp butta al vento tre punti a Bergamo. I blucerchiati partono a razzo e con due perle di Quagliarella al 10' sono avanti di altrettante reti. Poi due rigori di Doni riportano la situazione in parità. Quando tutti sembrano accontentarsi, Zampagna, ad un minuto dalla fine, sigla la rete decisiva.
Il Parma che vola sul palcoscenico europeo grazie alla Coppa Uefa, respira anche in campionato dove coglie il primo successo, contro l'Ascoli. Risolve la partita Budan già al 10'. Una doppietta di Giuseppe Colucci più Spinesi stendono una Lazio dall'approccio sbagliato. La rete di Rocchi serve solo a rendere il boccone un filo meno amaro, ma i biancocelesti devono ringraziare Peruzzi se il passivo non è ben più pesante. Non vanno oltre lo 0-0 Livorno e Siena, con reti annullate a Frick e Lucarelli. E con altrettanti pareggi si erano chiusi anche i due anticipi: Messina-Empoli (2-2) e Cagliari-Torino (0-0).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400