Cerca

Fallimento Bari calcio l'asta vale 7,2 milioni di euro Combine Bari-Lecce, Masiello «Mi vergogno ma rigiocherò»

BARI - Depositata in mattinata la perizia in tribunale. Chi acquista il Bari si farà carico del valore aziendale, poco meno di 4,3 milioni, e del debito sportivo che si aggirerebbe intorno ai 3 milioni: complessivamente, poco più di 7,2 milioni. L'avviso d'asta sarà pubblicato lunedì, mentre l'asta vera e propria si terrà quasi certamente subito dopo Pasqua. Il magistrato intende accelerare al massimo i tempi. L'incognita dei 17 dipendenti
E sugli acquirenti russi rischio black list Usa
Fallimento Bari calcio l'asta vale 7,2 milioni di euro Combine Bari-Lecce, Masiello «Mi vergogno ma rigiocherò»
BARI - Depositata la perizia di stima per l'asta del Bari calcio: i consulenti (Veneziani e Di Tria) incaricati dai curatori fallimentari Danisi e Giannelli, hanno infatti consegnato in mattinata fa l'atto alla cancelleria della sezione fallimentare del Tribunale: una relazione di 80 pagine e ciorca 200 allegati. Il valore complessivo - secondo quanto si è appreso - supera i 7,2 milioni, di cui 4milioni e 290mila come valore aziendale e la restante parte come cosiddetto debito sportivo. Chi si aggiudicherà l'asta - presumibilmente fissata subito dopo Pasqua - si accollerà questo impegno: oltre al valore aziendale anche i debiti aziendali ritenuti collegati all'attività sportiva. Un impegno che non trasiterà in alcun modo nella procedura del tribunale, neanche sotto forma di garanzia mediante fideiussione. L'acquirente sa che dovrà pagare quelle somme entro giugno, pena la perdita del titolo.
La parola, adesso, passa al giudice delegato, dott.ssa De Simone, che per lunedì ha fissato la pubblicazione dell'avviso d'asta messo a punto dai curatori Danisi e Giannelli. Il valore dell’azienda sportiva – nella quale sono contenuti anche i cartellini dei giocatori – è di quattro milioni e trecentomila euro. Chi si aggiudicherà il ramo d’azienda dovrà accollarsi tre milioni di euro di debito sportivo per la richiesta alla Figc di riattribuzione del titolo sportivo afferente all’As Bari.
Resta da chiarire il futuro degli attuali 17 dipendenti per i quali si profilano due ipotesi: seguono il percorso del fallimento, quindi pur restando creditori privilegiati verranno soddisfatti dalla vendita della società; oppure verrà prevista una sorta di «clausola sociale» - come accade per alcuni appalti pubblici - in base alla quale chi acquista si accolla anche il personale attualmente impiegato. Una scelta che spettera al giudice, sentiti i curatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400