Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 11:09

Calcioscommesse, condannati ex del Bari: risarciti i tifosi

BARI - Quattro mesi di reclusione per gli ex giocatori del Bari, Simone Bonomi (nella foto) e Corrado Mario Colombo e 6 mesi  per l'ex del Treviso William Pianu. Rispondono di frode sportiva per due partite dei campionati di serie B 2007-2008 e 2008-2009, Salernitana-Bari e Bari-Treviso. Sì al risarcimento di sette tifosi e dell'assoazione «Bari in testa». Per la stessa presunta combine altre cinque hanno patteggiato e 18 sono a processo. Udienza il 12 maggio
Calcioscommesse, condannati ex del Bari: risarciti i tifosi
BARI - Il Tribunale di Bari ha condannato gli ex giocatori del Bari, Simone Bonomi e Corrado Mario Colombo, a 4 mesi di reclusione e 200 euro di multa, e l’ex del Treviso William Pianu a 6 mesi e 400 euro di multa. La sentenza (pena è sospesa per tutti) è stata emessa al termine di un processo con rito abbreviato. I tre imputati rispondono di frode sportiva per due partite dei campionati di serie B 2007-2008 e 2008-2009, Salernitana-Bari e Bari-Treviso, vendute dai biancorossi- secondo i pm -per complessivi 220mila euro. La sentenza chiude un filone dell'incheista della procura barese sulle combine della seria B. Per gli stessi episodi, infatti sono a giudizio altre 18 persone, mentre altre cinque hanno patteggiato.

Gli ex calciatori di Bari e Treviso Bonomi, Colombo e Pianu sono stati anche condannati al pagamento di mille euro a titolo di risarcimento danni per ciascuna delle parti civili costituite nel processo. Il giudice ha riconosciuto il risarcimento per sette tifosi biancorossi e per l'associazione «Bari in testa» che rappresenta altri 200 tifosi.

Per perdere Bari-Treviso dieci calciatori biancorossi - secondo l’accusa - intascarono complessivamente 70.000 euro. Il danaro sarebbe stato consegnato dal calciatore del Treviso William Pianu ai baresi Ivan Rajcic, Vincenzo Santoruvo, Davide Lanzafame, Jean Francois Gillet, Marco Esposito (che ha già patteggiato la pena), Nicola Belmonte, Nicola Strambelli, Massimo Bonanni e Massimo Ganci.

Per far vincere alla Salernitana la partita, due calciatori e un dirigente della squadra campana - gli atleti Fusco e Ganci (ex Bari) e il team manager Cosimo D’Angelo - avrebbero offerto 150.000 euro a 16 calciatori del Bari e al faccendiere del Bari-calcio Angelo Iacovelli. I calciatori biancorossi che avrebbero ricevuto il danaro, circa 7.000 euro a testa, secondo le ipotesi dell’accusa, sono: Andrea Masiello, Cristian Stellini, Davide Lanzafame (hanno tutti patteggiato), Vitali Kutuzov, Marco Esposito, Nicola Santoni, Alessandro Parisi, Daniele De Vezze, Gianluca Galasso, Simone Bonomi, Francesco Caputo, Jean Francois Gillet, Corrado Mario Colombo, Raffaele Bianco, Mark Edusei e Stefano Guberti.

L'udienza del troncone principale del processo è stata fissata il 12 maggio quando compariranno, in qualità di testi dell'accusa, masillo, Esposito e Stellini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione