Cerca

Basket, Reggio Emilia batte capolista Brindisi

REGGIO EMILIA - La Grissin Bon batte, al termine di una partita durissima, intensa e spigolosa, la capolista Enel Brindisi, facendo un passo avanti importantissimo verso i play-off. I pugliesi, dal canto loro, ce l'hanno messa tutta, pagando però nel finale il grande sforzo fisico profuso nei primi tre quarti. Reggio parte di slancio coi giovani: sono Pini e Silins infatti a realizzare...
Basket, Reggio Emilia batte capolista Brindisi
REGGIO EMILIA - La Grissin Bon batte, al termine di una partita durissima, intensa e spigolosa, la capolista Enel Brindisi, facendo un passo avanti importantissimo verso i play-off. I pugliesi, dal canto loro, ce l'hanno messa tutta, pagando però nel finale il grande sforzo fisico profuso nei primi tre quarti. Reggio parte di slancio coi giovani: sono Pini e Silins infatti a realizzare i primi, ottimi, canestri biancorossi, nel quadro di un inizio molto equilibrato (7-7 al 4'). Reggio ripresenta Cinciarini, e si vede.

Il playmaker dà ritmo, energia, velocità, assist e punti ai suoi, propiziano il primo minibreak dell'incontro: 14-10 per i padroni di casa al 6', subito controbilanciato da un 5-0 pugliese firmato Lewis. La Grissin Bon comunque nel finale di frazione è più incisiva e chiude sul +3 con Gigli in cattedra. L'avvio dei secondi dieci minuti è decisamente spigoloso, l'Enel mette sul parquet tutta la sua fisicità ma la truppa di Menetti tiene bene la posizione e la gara va avanti all'insegna del no-contest.

Almeno fino a quando un «tecnico» fiscalissimo fischiato alla panchina reggiana, consente ai salentini di salire sul +4 (29-25), nell'ottica di un quarto, cestisticamente parlando, veramente orrendo, dove, praticamente non si segna mai. Reggio inoltre deve fare i conti con le prestazioni, fino a quel momento evanescenti, di Kaukenas e Bell. Al ritorno dall'intervallo lungo Brindisi la mette di nuovo sull'energia e i biancorossi accusano il colpo finendo a -7 (46-39). Ma Cinciarini e compagni non mollano, e sfruttando un ingenuo «tecnico» che Campbell si fa affibbiare, rientrano e pareggiano: 47-47 al 5'.

La bagarre prosegue, la triade arbitrale si adegua alla confusione, e il risultato è che tutto predomina tranne il basket giocato. Nel marasma comunque la Grissin Bon trova il canestro del sorpasso: 49-47 al 7' e sfruttando la comprensibile stanchezza degli ospiti prova ad allungare sul finire del tempo con una «bomba» di Bell che fissa lo score sul 56-49. In 10' gli uomini di Bucchi segnano solo 7 punti e la Grissin Bon fronteggia adegutamente anche la «zona» predisposta dal coach emiliano. A 6' dalla fine il tabellone indica ancora +8 a favore dei reggiani: 62-54. Che riescono a tenere il timone della contesa nelle loro mani fino al termine con la forza dei nervi e il sostegno del pubblico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400