Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 13:54

Motomondiale - Valentino «forever»

Il pesarese ha battuto Loris Capirossi all'ultima curva del circuito di Sepang dopo un duello spettacolare duranto metà gara. Terzo lo spagnolo Daniel Pedrosa. Rossi recupera 12 punti in classifica
Valentino Rossi, Loris CapirossiSEPANG (MALESIA) - Valentino Rossi ha vinto il Gp di Malesia, 13/a prova del mondiale Motogp. Il pesarese ha battuto Loris Capirossi solo all'ultima curva. Il duello diretto tra i due italiani per la vittoria è cominciato prima di metà gara.
Alle spalle della Yamaha di Valentino Rossi e della Ducati di Loris Capirossi, staccato di 38 si è piazzato terzo lo spagnolo Daniel Pedrosa con la Honda. Quarto il suo compagno di squadra, l'americano Nicky Hayden leader della classifica mondiale. Quinto lo spagnolo Sete Gibernau, con la seconda Ducati.

Si è accorciata la classifica mondiale dopo il Gp di Malesia: con la vittoria di oggi Valentino Rossi resta terzo, alle spalle di Nicky Hayden e Daniel Pedrosa, ma ha recuperato 12 punti. Sette quelli guadagnati da Loris Capirossi con il secondo posto.
L'americano, quando mancano quattro gp alla fine della stagione, guida la graduatoria con 214 punti. Ne ha 22 di vantaggio sullo spagnolo (192), 26 su Rossi (188) e 43 su Capirossi (171). Quinto è Marco Melandri (168), oggi nono e scavalcato dall'imolese.

LA GARA
Protagonista di una brutta partenza, il Dottore ha avuto bisogno di pochi metri per balzare al comando con una sola staccata ma di diversi giri per avere la meglio sui due avversari che non lo hanno mai lasciato andare in fuga.
Stoico lo spagnolo della Repsol Honda che, indeciso fino all'ultimo se prendere parte o meno alla gara a causa dell'infortunio al ginocchio, ha stretto i denti fino all'ultimo giro recuperando tre punti su Hayden e dimostrando di avere carattere. Strepitoso Capirossi che non ha mai smesso di credere nella vittoria fino al rettilineo finale, puntando al bis dopo il successo datato 2005: il pilota emiliano viene premiato con il quarto posto in classifica a -43 dall'americano della Repsol Honda.
Al settimo giro, Rossi è tornato in testa prima che Pedrosa passasse a sua volta Capirossi e si impadronisse del secondo posto. Alla fine dell'ottavo giro, Capirossi ha ripassato Pedrosa mentre, dietro di loro, Hayden è andato largo; l'americano si è comunque mantenuto al quarto posto ma si è allora ritrovato minacciato da Casey Stoner e Sete Gibernau.
Con il passare dei giri, Dani Pedrosa ha iniziato a cedere terreno mentre Rossi e Capirossi si sono preparati per una spiegazione finale. All'undicesimo giro, Toni Elias è andato a terra, scivolando sull'angolo, mentre occupava la nona posizione davanti al suo compagno di squadra Marco Melandri.
Pedrosa si è ritrovato isolato in terza posizione, davanti al suo compagno di squadra ed a Gibernau, in testa Rossi e Capirossi.

Nelle 250cc Jorge Lorenzo si conferma protagonista assoluto vincendo la sua settima gara della stagione 2006, la seconda consecutiva. Lo spagnolo del team Fortuna Aprilia si è ancora una volta aggiudicato il duello contro Andrea Dovizioso su cui allunga in classifica generale portando a 12 le lunghezze di vantaggio. A favorire il leader della quarto di litro l'attacco portato da Alex De Angelis all'italiano su Honda: la battaglia tra i due gli ha infatti permesso di prendere il largo in tutta tranquillità dopo una prima parte di gara meno convincente del solito.

Nelle 125 Alvaro Bautista vola verso il titolo iridato inanellando a Sepang il suo sesto successo stagionale. Lo spagnolo su Aprilia ufficiale ha preceduto al traguardo Mika Kallio e Hector Faubel dominando la gara, interrotta dopo due giri per una brutta caduta che ha coinvolto i nostri Mattia Pasini e Andrea Iannone. Partito dalla pole, Bautista si è subito portato al comando in entrambe le frazioni e non ha mai concesso agli inseguitori la possibilità di avvicinarlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione