Cerca

Formula Uno - Al Gp di Monza "pole position" di Raikkonen (McLaren-Mercedes)

In 2ª posizione sulla griglia di partenza la Ferrari di Michael Schumacher. La gara domenica 10 settembre: diretta televisiva su RaiUno a partire dalle ore 13,10
MONZA - Kimi Raikkonen partirà domani in pole position nel Gp d'Italia, 15ª prova del Mondiale di Formula 1. Il finlandese della McLaren-Mercedes, che ha girato in 1'21483, ha preceduto di soli 2 millesimi la Ferrari di Michael Schumacher. Terzo Heidfeld davanti all'altro ferrarista Felipe Massa, quinto tempo per il leader del Mondiale Fernando Alonso. Automobilismo Formula Uno Kimi Raikkonen

- Sembra una nemesi. La lotta, alla fine della qualifica del Gp di Italia, non è tra i due protagonisti del mondiale 2006. Lo spagnolo Fernando Alonso non riesce ad andare oltre il quinto tempo e così regala una prima fila agli uomini che, secondo tutte le previsioni, domani annunceranno la loro alternanza in Ferrari. Prevale Kimi Raikkonen, pole position a Monza anche un anno fa, per appena due millesimi su Michael Schnumacher. Sembra fatto apposta per dare ulteriore pathos a una telenovela che volge alla fine.
È la 12ª pole per Raikkonen, la terza dell'anno. Il finlandese nega così, all'ultimo giro, al tedesco, la 69ª della sua straordinaria carriera che sembra volgere al termine. Per la quinta volta Raikkonen e Schumacher partiranno insieme in prima fila, e sembra davvero straordinario questo affiancamento, che qualcosa, secondo la cabala, vorrà pur dire. È comunque una gran premessa per il Gp più cruciale dell'anno, quello che dovrà dire se Schumacher può davvero tentare l'assalto al suo ottavo mondiale, oppure se Alonso sarà destinato a riconfermarsi.
Dietro il finlandese e il tedesco, c'è la Bmw Sauber di Nick Heidfeld. Poi, quarta, l'altra Ferrari di Felipe Massa. Alonso è dietro, in terza fila, con Jenson Button, davanti a Kubica, De la Rosa, Barrichello, Fisichella, solo decimo. Una foratura accusata nelle fasi cruciali del test costringerà Alonso, per le strane regole del Mondiale, ad imbarcare meno benzina domani in gara, e dunque forse ad una strategia danneggiata a vantaggio della Ferrari. Così come si è danneggiata la sua Renault. E nonostante ciò il campione del mondo ha saputo tirar fuori un tempo discreto. Sarà la gara, domani, a sciogliere i dubbi di leadership. Sarà il dopogara a chiarire che futuro deve aspettarsi la Formula 1, se comincerà cioè, l'era del "Dopo Schumacher".
La qualifica, emozionante, è la giusta premessa di una corsa che si preannuncia avvincente. Dopo poco più di cinque minuti, lo scoppio della gomma Bridgestone posteriore sinistra della Super Aguri di Sakon Yamamoto aveva portato alla sospensione della prima sessione di qualifica per i minuti necessari alla pulizia dell'asfalto, sul quale nella notte era caduta la pioggia. Durante il test, c'è stato il testacoda della Red Bull di Christian Klien, che si è dovuto fermare. Al termine, il più veloce è stato Schumacher, mentre sono stati eliminati Yamamoto, Sato, Monteiro, Webber, Albers e Liuzzi. Nella seconda, in cui si è imposto Massa, sono statti estromessi Klien, Speed, Coulthard, Ralf Schumacher, Rosberg e Trulli, "out" per 46 millesimi. Nella sessione decisiva c'è stato anche il «dritto» di Alonso all'entrata della seconda chicane, mentre stava accodato a Schumacher. Probabilmente una distrazione che gli è costata la foratura e la distruzione della Michelin posteriore sinistra e dunque una sosta imprevista per la sostituzione delle gomme, con un faticoso rientro ai box. Premessa di un duello che si fa sempre più divertente.
Giampiero Moscato

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400