Cerca

Calciopoli - La Juve ritira il ricorso al Tar

Il consiglio d'amministrazione del club bianco-nero ha deliberato all'unanimità di ritirare il ricorso presentato nei giorni scorsi. Tifosi in rivolta: «Buffoni»
MILANO - La Juve ha ritirato il ricorso presentato nei giornis corsi al Tar del Lazio e si va subito all'arbitrato davanti alla Camera arbitrale del Coni.
Il consiglio, si legge in una nota diffusa dal club bianconero per gli obblighi di borsa che specifica le ragioni della decisione, «ha preso atto dei significativi segnali di disponibilità che le istituzioni sportive hanno palesato nelle ultime ore per risolvere con equità la vertenza in corso ed ha constatato che tale apertura costituisce un netto cambiamento rispetto a quanto registrato al termine della fase di conciliazione».
Secondo il cda «con questa decisione in linea con i principi di lealtà e con i valori sportivi che sono alla base della sua attività e della sua tradizione», la Juventus ancora una volta «afferma la propria volontà di apertura nei confronti delle istituzioni sportive».
La società, inoltre, «ribadisce la fiducia nella giustizia sportiva e la volontà di collaborare per il miglioramento del calcio italiano così come ha fatto rinnovando il proprio consiglio di amministrazione e dotandosi di un sistema di controllo interno più severo».
Considerate le gravi penalizzazioni comminate, il club riferendosi anche alla revoca di scudetti e coppe, «confida che nell' ambito del successivo grado di giustizia sportiva sarà definito un trattamento significativamente migliorativo rispetto all' attuale». Da domani quindi la Juventus «concentrerà ogni suo sforzo nella gestione sportiva per conseguire ambiziosi traguardi nello spirito dei valori fondamentali dello sport».

DAVANTI A SEDE, I POCHI TIFOSI GRIDANO "BUFFONI"
Non più di una dozzina i tifosi juventini che per quattro ore hanno atteso davanti alla sede di corso Galileo Ferraris di conoscere quali decisioni avrebbe preso il vertice della società E quando, poco prima delle 20, la notizia di ritiro del ricorso al Tar è diventata ufficiale, la reazione dei tifosi non è stata tenera nei confronti dei vertici della società. «Buffoni, vergognatevi, venduti», sono state le frasi indirizzate ai vertici della Juventus, con l'aggiunta, anche di qualche «minaccia» verbale il cui destinario era il presidente, Giovanni Cobolli Gigli: «da stanotte non dormirai tranquillo». Ed ancora cori di scherno verso il cda con il «richiamo» alla passata dirigenza: «Moggi, Moggi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400