Cerca

Calcio - Juventus, immediato ricorso al Tar del Lazio

Lo ha deciso il cda bianconero per «l'ingiustificata gravità delle sanzioni e la mancanza di equità di trattamento rispetto a tutti gli altri club concorrenti. Le corti sportive hanno costruito un illecito sportivo come somma di comportamenti contrari a lealtà e correttezza»
TORINO - La Juventus ricorrerà immediatamente al Tar del Lazio per «l'ingiustificata gravità delle sanzioni e la mancanza di equità di trattamento rispetto a tutti gli altri club concorrenti» da parte della giustizia sportiva. Lo ha deciso il cda bianconero riunito oggi a Torino. «Le sanzioni previste per la Juventus - si legge nella nota - risultano ancor più sproporzionate se si tiene conto che le corti sportive hanno costruito un illecito sportivo come somma di comportamenti contrari a lealtà e correttezza. Appare incomprensibile che il trattamento più severo sia stato riservato proprio alla Juve, cioè alla squadra che si è mostrata più risoluta ad assumersi le proprie responsabilità, modificando la propria organizzazione societaria e adottando un sistema di controllo e di prevenzione più severo ed efficace. La sola ipotesi di retrocessione in Serie B con un'importante penalità ha già determinato un notevole impatto negativo sul piano sportivo - si legge ancora - la fuoruscita di alcuni campioni che hanno contribuito a determinarne in passato il successo sportivo della Juventus ha notevolmente indebolito il potenziale tecnico della squadra; questo fatto non si è per altro verificato nelle altre società che hanno subito sanzioni minori. Inoltre, l'esclusione della squadra dalla massima divisione, la revoca degli ultimi due scudetti e la mancata partecipazione alle competizioni internazionali non comporterebbero solo una drastica riduzione dei ricavi, con serie conseguenze sul profilo patrimoniale della società, ma causerebbero anche, e soprattutto, un grave danno all'identità stessa della Juventus che nel corso di oltre un secolo di vita ha contribuito a scrivere la storia del calcio italiano: una tradizione di eccellenza sempre viva e attuale, come dimostrano i ben nove giocatori bianconeri che hanno disputato la partita finale della recente Coppa del Mondo».
«Il cda delibera all'unanimità l'immediato ricorso al Tar del Lazio anche per la doverosa tutela dei propri azionisti, dei terzi portatori di interessi e dei propri tifosi. Si riserva, però, con decisione unanime - si legge in conclusione - l'immediato ricorso al Tribunale amministrativo regionale del Lazio, riservandosi di valutare nei tempi consentiti, il ricorso alla Camera Arbitrale del Coni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400