Martedì 14 Agosto 2018 | 17:32

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Nuoto - Europei: due ori e un argento

Filippi ha vinto in scioltezza la gara dei 400 misti femminili. Poi è stata la volta della staffetta 4x100 stile libero maschile trascinata da Magnini. Grande gara anche di Rosolino nei 400 stile libero. Massimiliano è stato superato soltanto dal russo Prilukov, astro nascente della specialità
BUDAPEST - Alessia Filippi ha conquistato la prima medaglia d'oro per l'Italia ai Campionati Europei di nuoto a Budapest. L'azzurra si è imposta nei 400 misti polverizzando il record italiano con il tempo di 4'3580. Alessia, prima italiana ad imporsi in un campionato europeo, ha dominato dal primo all'ultimo metro. Al secondo posto, staccata di 217, si è piazzata la tedesca Nicole Hetzer (4'3797). Bronzo, con 422 di ritardo, alla polacca Katarzyna Baranowska (4'4002).

Seconda medaglia d'oro per l'Italia grazie al quartetto della staffetta 4x100 stile libero maschile. Alessandro Calvi, Christian Galenda, Lorenzo Vismara e Filippo Magnini si sono imposti con il tempo di 3'1523, nuovo record italiano e dei campionati, migliorando quello ottenuto proprio dagli azzurri a Madrid nel 2004 con 3'1566. Alle spalle dell'Italia, la Russia, argento con 3'1647, quindi la Francia, bronzo in 3'1653.

Massimiliano Rosolino ha conquistato la medaglia d'argento nella finale dei 400 sl. L'azzurro (3'4687) è stato staccato di 114 dal russo Yury Prilukov. La medaglia di bronzo è andata al francese Nicolas Rostoucher (3'4704). «Il mio obiettivo in questa finale era scendere sotto i 3'46. Sono riuscito nel mio intento, perché ho fatto una gara come non mi riusciva dal '97, quindi da circa dieci anni. C'è ancora molta energia in acqua. Scendo sentendomi competitivo. Entro in vasca rispettando tutti ma senza temere nessuno». Sulla vittoria di Yurj Prilukov, Rosolino aggiunge: «È l'astro nascente di questa specialità e negli ultimi 50 metri è stato il più veloce, non c'è niente da dire».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 
Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

 
Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

 
Galli vira sul nuovo Bari«Il mio progetto per ripartire»

Galli vira sul nuovo Bari: «Il mio progetto per ripartire». E il 26 si gioca col Bitonto

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 20 morti e feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS