Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 11:20

Bari, l’Irpef sarà pagata È solo il primo ostacolo

BARI - Il primo ostacolo da superare, il primo dribbling da effettuare, è la scadenza di metà gennaio. Il Bari dovrà saldare la quota Irpef inerente agli stipendi dei mesi di ottobre e novembre. Uno slittamento concesso dalla Lega di Serie B (dal 16 dicembre a metà gennaio) a tutte le società in considerazione del momento economico pesantissimo. Non una cifra «esagerata», quella alla quale il Bari dovrà far fronte e che si aggira sui 250 mila euro circa. Come è noto le casse della società biancorossa sono vuote
Bari, l’Irpef sarà pagata È solo il primo ostacolo
BARI - Il primo ostacolo da superare, il primo dribbling da effettuare, è la scadenza di metà gennaio. Il Bari dovrà saldare la quota Irpef inerente agli stipendi dei mesi di ottobre e novembre. Uno slittamento concesso dalla Lega di Serie B (dal 16 dicembre a metà gennaio) a tutte le società in considerazione del momento economico pesantissimo.

Non una cifra «esagerata», quella alla quale il Bari dovrà far fronte e che si aggira sui 250 mila euro circa. Come è noto le casse della società biancorossa sono vuote. Ma il rischio di andare incontro a un nuovo «flop» dovrebbe essere lontano. In questi giorni, infatti, dovrebbero essere sbloccati piccoli crediti vantati dal Bari in Lega (3-400 mila euro), ossigeno puro per il club che dunque potrà far fronte alla scadenza.

Ovviamente servirà altro, invece, per rispettare la scadenza di metà febbraio, quando bisognerà pagare a tutti i quadri tecnici, gli stipendi di novembre e dicembre e rispettivi contributi. Senza l’arrivo di capitali freschi (mercato, nuova proprietà o mutualità dalla serie A dei diritti televisivi) sorgeranno problemi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione