Cerca

Venerdì 20 Ottobre 2017 | 08:44

Aggredito arbitro in una partita di Coppa dì Asia: è Anna De Toni

Mentre rientrava negli spogliatoi, tre giocatrici coreane, subito dopo la semifinale femminile Corea del Nord-Cina, disputata in Australia, hanno sferrato calci e tirato bottiglie. La situazione è precipitata quando, sul finire della gara, è stato annullato un gol delle coreane per fuorigioco
SYDNEY - Hanno aspettato la fine della partita, e mentre si rientrava negli spogliatoi l'hanno aggredita sferrando calci e tirandole addosso bottiglie. E' successo all'arbitro italiano Anna De Toni, aggredita selvaggiamente da tre giocatrici coreane subito dopo la partita tra Corea del Nord e Cina, semifinale della Coppa d'Asia femminile che si sta disputando in questi giorni in Australia.
Dopo il triplice fischio finale il portiere Han Hye-yong, espulsa per gioco scorretto, si è scagliata verso la De Toni che stava tornando verso gli spogliatoi, e l'ha colpita violentemente con un calcio. All'aggressione si sono unite immediatamente altre due giocatrici, Sun Son-kyong e Sun Song-jung, che da lontano hanno cominciato a tirare bottiglie e oggetti vari sulla direttrice di gara. Oltre alle tre, diverse altre calciatrici hanno insultato e cercato di provocare con spinte e urti l'arbitro internazionale, che è stata costretta a ritirarsi.
La situazione è precipitata quando, alla fine della partita, l'arbitro ha annullato un gol delle coreane per fuorigioco, sancendo così la vittoria della Cina per 1-0.
Le tre giocatrici sono state sospese dalla federazione asiatica. L'eventualità di applicare altre misure sarà valutata nei prossimi giorni dalla Commissione disciplinare della Confederazione Asiatica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione